fbpx

Nautica: a Palermo al via Seacily, Sicilia in testa per ricettività (2)

(Adnkronos) – In Sicilia le province di Messina Palermo e Ragusa raccolgono il maggior numeri di imprese e cantieri nautici. Seguite da Catania, Siracusa, Trapani e Agrigento. L’isola è la prima regione italiana per ricettività turistica con 138 infrastrutture tra porti turistici, porti polifunzionali e punti di ormeggio. Il totale italiano è di 781 infrastrutture portuali. Su 86 marine, la Sicilia ne ha 5, seconda in questo caso solo alla Sardegna che ne ha 12. I porti polifunzionali sono invece 63 su un totale di 459 in Italia (seconda è la Puglia con 53, terza la Sardegna con 50). Per quanto riguarda i punti di ormeggio su 236 in Italia, la Sicilia ne ha 70, la Sardegna 56 e la Puglia 13. Infine i posti barca: su un totale italiano di 160.690 posti, l’isola è al quarto posto con 16.452 posti, dietro la Liguria (23.254) la Sardegna (20.037) e la Toscana (17.132).
La Sicilia è l’ottava regione in Italia per parco nautico a vela. Sulle 18.776 imbarcazioni a vela risultanti dagli uffici marittimi o dalla motorizzazione in Italia nel 2017, 782 sono siciliane. Delle 395 barche a vela immatricolate in Italia, 15 lo sono in Sicilia. Settimo posto invece per l’isola nel campo delle imbarcazioni a motore: delle 97.513 iscritte in Italia sempre nel 2017, 4.8.47 sono in Sicilia, mentre delle 898 immatricolate in Italia, 45 sono siciliane. A testimoniare un settore dall’andamento vivace anche il dato sulle patenti nautiche. Delle 9.611 patenti solo motore (entro 12 miglia) rilasciate in Italia, 989 sono in Sicilia. L’Isola è al terzo posto dopo Lombardia (1.331) e Liguria (1.072). Delle 594 patenti solo motore rilasciate in Italia oltre le 12 miglia, la Sicilia è seconda con 82 patenti, dietro solo alla Liguria, con 119 patenti.