Categoria: FOTO & VIDEOFoto Notizie dall'ItaliaGalleryNEWSNOTIZIE DALL'ITALIA

Regionali, Salvini in Umbria sfida Pd e M5S: “vinciamo noi” [FOTO]

Tags: Matteo Salvini

Regionali, Salvini in Umbria sfida Pd e M5S: “vinciamo noi. I membri del Governo sono legate alle poltrone”

Matteo Salvini dopo la fine dell’alleanza e del governo con il M5S è in tour per l’Italia in vista delle regionali. Oggi tappa in Umbria dove il leader della Lega sfida apertamente Pd e grillini: “si alleino anche in Umbria, li sfido. Questi non conoscono la vergogna. Qui si cambia, la sinistra ne ha combinate troppe”. “Quello che non permetteremo a livello nazionale – prosegue- è che si smonti il lavoro fatto. Leggo in questi giorni che qualcuno vuole cancellare quota 100 e tornare alla legge Fornero. Dovranno passare sui nostri corpi”. Sul Governo: “potranno andare avanti a lungo, solo legati dalle poltrone. Anche perché sull’immigrazione, sulle tasse, sulle pensioni, sulle infrastrutture e sulle autostrade hanno già cominciato a litigare”.

Regionali: Umbria primo test per il Governo, probabile un accordo tra Pd e M5s

Si vota il 27 ottobre in Umbria per il rinnovo del consiglio regionale e si prospetta un’alleanza Pd-M5S. Per il commissario regionale Walter Verini sono “parole di buon senso” quelle di Dario Franceschini secondo il quale se Pd e Movimento 5 Stelle lavoreranno bene nel nuovo governo potranno presentarsi “insieme alle regionali”. “Credo – ha detto ancora Verini – che se c’è la volontà i problemi di tempo si possono risolvere. C’è un dialogo affidato alla forza e al progetto del candidato presidente civico e sociale Andrea Fora”. Il Partito democratico ha infatti deciso di non presentare un proprio nome per la guida dell’Umbria dopo le dimissioni di Catiuscia Marini in seguito all’indagine sui concorsi dell’ospedale di Perugia. Il senatore del Movimento 5 Stelle Stefano Lucidi, afferma: “le decisioni spettano al capo politico del movimento, le regole decise dal blog lasciano spiragli e margini di manovra”.

LaPresse/stefano Cavicchimore
LaPresse/stefano Cavicchimore
LaPresse/stefano Cavicchimore
LaPresse/stefano Cavicchimore
LaPresse/stefano Cavicchimore
LaPresse/stefano Cavicchimore
LaPresse/stefano Cavicchimore
LaPresse/stefano Cavicchimore
LaPresse/stefano Cavicchimore
LaPresse/stefano Cavicchimore
LaPresse/stefano Cavicchimore
LaPresse/stefano Cavicchimore
LaPresse/stefano Cavicchimore
LaPresse/stefano Cavicchimore
LaPresse/stefano Cavicchimore
LaPresse/stefano Cavicchimore