fbpx

Duro colpo alla stidda di Gela, in arresto capi e gregari: 500 uomini armati pronti a nuova guerra

Gela, blitz contro la stidda: in carcere capi, gregari e sodali che hanno gestito un fiorente traffico di droga

Disarticolata la pericolosa organizzazione mafiosa della stidda che, negli ultimi anni, ha imperversato nella cittadina siciliana di Gela, appropriandosi di parte del territorio con la tipica forza e violenza mafiosa, che da sempre l’ha caratterizzata.
In carcere capi, gregari e sodali che hanno gestito un fiorente traffico di droga, hanno infiltrato l’economia legale attraverso imprese di comodo, facendo estorsioni, soprattutto con il metodo dell’imposizione dei prodotti delle loro aziende. Tante le spedizioni punitive degli stiddari, organizzate anche con l’uso di armi e con danneggiamenti seguiti da incendi, ai danni di chi osava contrapporsi al loro potere criminale, con una potenzialità “militare” costituita da “500 leoni“, ossia di 500 uomini armati che avrebbero potuto scatenare l’ennesima guerra di mafia. Le indagini svolte nel procedimento consentito di fotografare l’ala violenta del clan, ricostruendo plurime condotte estorsive poste in essere ai danni di commercianti ed imprenditori riottosi o poco propensi a sottomettersi al loro volere, che hanno trovato il coraggio di denunciare le estorsioni.