fbpx

Oltre sei tonnellate di droga in Sicilia, sequestro da 60 milioni: tre spagnoli a processo [DETTAGLI]

Maxi sequestro di droga a Pozzallo: tre spagnoli a giudizio a Ragusa

Si svolgerà il prossimo 28 novembre l’udienza con rito abbreviato davanti al gup che vede imputati tra spagnoli per traffico di droga. I fatti risalgono all’aprile scorso, quando a Pozzallo sono stati confiscati 6,2 tonnellate di hashis intercettate a bordo di un veliero battente bandiera spagnola. La droga avrebbe fruttato oltre sessanta milioni di euro, con quasi 43 milioni di dosi ricavabili.  La nave è stata bloccata a Pozzallo nella notte tra il 10 e l’11 aprile. L’operazione venne messa a segno dal comando regionale della Guardia di finanza di Sicilia, in cooperazione con il comando operativo di Pratica di Mare ed il Servizio Centrale Investigativo Criminalita’ Organizzata di Roma attivata anche con il coordinamento internazionale con le Autorita’ francesi e spagnole ed il supporto fornito dalla Direzione Centrale per i Servizi Antidroga italiana. L’operazione ha condotto all’arresto di tre persone, tutte di nazionalità spagnola e si inserisce nell’ambito di una vasta operazione antidroga internazionale “Libeccio international” che ha visto in prima linea i servizi di intelligence di Italia, Spagna e Francia. Gli imputati sono Alfredo Marsal Margalef, del 1959, Alexander Rivas Beltran del 1987 e Javier Perez Haro del 1966, difesi dall’ avvocato Matteo Anzalone del Foro di Ragusa.  A segnalare la barca furono le autorità francesi e nel pomeriggio del 10 aprile 2019 venne individuata la barca a vela la “Luna III”. L’abbordaggio è avvenuto a circa 86 miglia marine a sud delle coste siciliane.