fbpx

Villa San Giovanni: grande adesione al progetto “Viviestate 2019″

Viviestate 2019 a Villa San Giovanni, l’Assessore Maria Grazia Richichi: “un Impegno concreto a favore degli anziani non autosufficienti e dei diversamente abili”

Grande adesione al progetto “Viviestate 2019 ambito 14” promosso dal Comune di Villa San Giovanni quale ente Capofila per l’Ambito, lo ha dichiarato Maria Grazia Richichi Vicesindaco e Assessore alle Politiche Sociali e che ha coinvolto attivamente i Comuni dell’Ambito Territoriale. Le risorse, sono state destinate ai servizi di assistenza per persone ultra65enni non autosufficienti e ai diversamente abili, grazie ad un programma di facilitazione che ha consentito a gran parte dei Comuni l’utilizzo di una parte dei fondi FNA- Fondi per la Non Autosufficienza. L’Obiettivo principale che ci siamo prefissi -ha affermato l’Assessore Maria Grazia Richichi – è stato quello di organizzare attività di sollievo e benessere psicologico sociale e relazionale nel periodo estivo rivolte ad adulti e gruppi di anziani che rientrano in una condizione di fragilità del Fondo Regionale per la Non Autosufficienza, ossia persone non autosufficienti che vivono situazioni di solitudine e di isolamento particolarmente accentuata nel periodo estivo. In altri termini abbiamo realizzato- prosegue il Vicesindaco – una vera e propria rete di protezione contro la so-litudine: dalla consegna della spesa, alla consegna dei pasti o dei farmaci a casa, ma anche la compagnia domiciliare, i servizi di “trasporto protetto” verso centri socio-sanitari per visite o terapie. Ma anche la, non meno importante, compagnia serale, con lo scopo, non solo di accudire, ma anche di mantenere e potenziare le abilità di socializzazione degli anziani o dei non autosufficienti adulti fragili, per contrastare fenomeni di emarginazione sociale. Inoltre, per quei i soggetti come ad esempio i disabili e anziani – che sono in condizioni di uscire da casa, sono state previste attività di socializzazione e partecipazione ad iniziative di svago e intrattenimento: gite, una o più volte settimana, presso località attrezzate per trascorrere del tempo all’aperto mare, montagna, ecc. in base alla tipologia dei soggetti.

Infine, attività quotidiane ricreative presso centri di aggregazione e/o diurni già esistenti o allestiti per l’estate: attività musicali, di canto, giochi adeguati all’età, animazione, passeggiate con accompagnatori, scambi in gruppo di interesse o di competenze (cucito, cucina, racconti biografici, ecc.) ed altre attività aggreganti. Le attività, iniziate lo scorso 1agosto, presso i Comuni dell’Ambito Territoriale 14, dureranno per tutto il pros-simo mese di settembre- ha aggiunto ancora il Vicesindaco di Villa San Giovanni – e con piacere abbiamo avuto modo di constatate, non solo una grande partecipazione da parte dei Comuni, ma soprattutto una buona risposta anche da parte della gente e del territorio. Nello specifico, per il Comune di Villa San Giovanni sono stati destinati € 7mila (eurosettemila) – conclude Ma-ria Grazia Richichi – che vedono impegnata la cooperativa Rose Blu, per quanto riguarda i servizi da offrire ai disabili, per citare qualche esempio, accompagnamento al mare con servizi e sussidi adeguati per l’utenza, escursioni e week-end in montagna nel mese di agosto ed a seguire a settembre, attività laboratoriali di cera-mica, cucina, danzaterapia, ginnastica, apprendimento e mantenimento scolastico, giardinaggio; le attività del-la Croce Rossa Vallata del Gallico, sono rivolte essenzialmente agli anziani non autosufficienti, con la conse-gna domicilio di farmaci previa prescrizione medica, attività di screening  misurazione a domicilio dei parame-tri come glicemia, saturimetria, pressione arteriosa ), acquisti di spesa alimentare e consegna a domicilio. Per tali ragioni mi preme ringraziare tutti perché solo grazie alla collaborazione ed alla sinergia tra gli enti, le istituzioni locali e gli operatori del sociale, si riesce ad offrire risposte concrete che rispondono ai bisogni di un intero territorio e particolarmente alle fasce più deboli.