fbpx

Ventura: “la Città Metropolitana non è solo Reggio Calabria. Rivedere avviso su Commissione Eredità Immateriali”

Ventura: “alla luce del recente avviso pubblico per le candidature alla “Commissione Eredità Immateriali della Città Metropolitana di Reggio Calabria” è bene ribadire che la Città Metropolitana non è esclusivamente il Comune di Reggio”

“Alla luce del recente avviso pubblico per le candidature alla “Commissione Eredità Immateriali della Città Metropolitana di Reggio Calabria” è bene ribadire che la Città Metropolitana non è esclusivamente il Comune di Reggio, così come ancora in alcuni ambienti si fa fatica a comprendere, al pari di come il Comune di Reggio non è unicamente il mero centro storico. L’indole reggiocentrica, che in passato ha degradato e fagocitato le periferie ed oggi guarda con appetito metropolitano alla provincia, è tutta racchiusa e palese nella causa di incompatibilità numero 7 dell’avviso, la quale mette alla porta “chi è stato candidato alle ultime competizioni del Consiglio Comunale di Reggio Calabria, al Consiglio Metropolitano di Reggio Calabria, alla Regione Calabria ed al Parlamento e non è stato eletto”. L’interrogativo almeno sostanziale da sciogliere è: perché escludere i soli candidati non eletti al Consiglio Comunale di Reggio e non anche quelli degli altri ben 96 Comuni componenti la Metropoli?

In termini di onorabilità, professionalità ed autonomia delle due una: o un candidato consigliere comunale di Reggio Calabria non eletto, un aspirante e quindi di riflesso anche un consigliere comunale eletto, ha un qualcosa in più rispetto ad un suo parigrado di Scilla, Bova, Locri o Palmi oppure questi ha un qualcosa in meno rispetto ai corrispettivi di Gioia Tauro, Roghudi, San Roberto o Caulonia. In entrambi i casi lo scenario prospettato è inaccettabile da qualunque prospettiva lo si analizzi. Implicitamente c’è poi da sottolineare anche che da questa causa d’esclusione il messaggio etico che ne scaturisce è agghiacciante: disincentivare di fatto l’impegno politico di quelle personalità d’elevato spessore culturale. La sostanza è questa, con normative del genere l’effetto sarà che sempre più intellettuali baderanno bene a candidarsi, onde prevenire l’esclusione da ruoli analoghi. La Città Metropolitana ritiri l’avviso e lo ripresenti purgato da quel male che ha dimostrato di saper essere il reggiocentrismo”. A rilasciare questa dichiarazione è stato Francesco Ventura, reggino già candidato consigliere comunale non eletto alle ultime competizioni elettorali a Reggio Calabria, promotore di campagne in favore della lettura attraverso la creazione od il potenziamento di otto biblioteche in diversi Comuni nella provincia, impegnato in attività culturali per la formazione di un’identità metropolitana e da cinque mesi volontario di Servizio Civile nel Comune di Bova.