fbpx

Reggio Calabria, la soddisfazione della Cisl Medici: “ottenuta la riformulazione della delibera 329”

Reggio Calabria, la soddisfazione della Cisl Medici: “ottenuta la riformulazione della delibera 329 per gli esterni e l’estensione di tale diritto anche ai tecnici con ricadute notevoli sull’organizzazione”

“Dopo una nostra nota, con la quale si richiedeva la riformulazione e l’attribuzione degli incarichi ai medici esterni e l’estensione della stessa anche ai tecnici, in cui non si voleva contestare il merito o il fine, ma la forma ed il metodo della delibera 329/2019 relativa alle prestazioni aggiuntive, prendiamo atto con soddisfazione che dopo un settimana di presidio constante presso la Direzione dell’ASP in Via Diana abbiamo ottenuto la riformulazione della delibera 329 per gli esterni e l’estensione di tale diritto anche ai tecnici con ricadute notevoli sull’organizzazione. Inoltre leggiamo sugli organi di stampa dei commenti che lasciano pensare che il guasto delle vetuste apparecchiature dei Servizi di Radiologia di Polistena e Locri avvenga per dolo, incuria e inosservanza di chi è preposto al controllo, tutela e buon funzionamento”, è quanto scrivono in una nota il segretario aziendale Francesco Loschiavo, il segretario generale dott. Pasquale Romeo, il segretario aggiunto dott. Giovanni Calogero. “Ciò instilla nella popolazione sanitaria e non, dubbi e sospetti sulla correttezza istituzionale di tutto il personale, e questa azione mediatica di stillicidio non fa altro che provocare reazioni, sprovvedute ed imprevedibili dell’utenza che culminano in veri assalti fisici contro il personale, vedasi ultimo episodio accaduto al Medico in servizio presso il P.P.I. di Palmi, a cui và la massima solidarietà di tutta la CISL e gli auguri di una pronta guarigione. Siamo sicuri che in tutto questo farà luce la magistratura tenendo in considerazione che come CISL Medici siamo sempre al lato dei lavoratori onesti che si dedicano con ogni dedizione al servizio di pubblica necessità rappresentato dalla’azienda sanitaria. La CISL Medici non crede che possano bastare le proclamazioni di solidarietà ai medici ed al personale tutto quando subiscono azioni di tal guisa, ma crede che bisogna innescare tutte quelle Azioni a difesa del buon nome del personale e dell’Azione Istituzionale dell’Azienda. E’ necessario che l’Azienda Sanitaria Provinciale difenda il buon operato del personale onesto e motivato che come ben è noto, soprattutto in questo periodo estivo, lavora oltre il limite del sopportabile, in silenzio e con abnegazione nell’interesse della salute del cittadino”, concludono.