Reggio Calabria, anche Io staff del Planetario si schiera in difesa dell’Hospice di Via delle Stelle

Un coro unanime in difesa dell’Hospice di Via delle Stelle: “no alla chiusura di una struttura punto di riferimento per la città di Reggio Calabria”

La sezione Calabria della Società Astronomica Italiana Planetarium Pythagoras Città Metropolitana di Reggo Calabria, sostiene l’Hospice “Via delle Stelle” e si unisce all’appello delle istituzioni e della società civile affinché la struttura sia preservata.
Il ruolo svolto dall’Hospice per i malati terminali e le loro famiglie è noto” – commenta la responsabile del Planetario Prof.ssa Angela Misiano Martino.
“Nei momenti difficili il personale medico e sanitario ha fornito il supporto necessario per alleviare le sofferenze fisiche e psichiche degli ammalati e delle loro famiglie.
Un punto di riferimento importante per la città di Reggio Calabria, non solo per la qualità dell’assistenza, ma anche per la disponibilità di strumenti diagnostici e di un ambiente protetto e riservato – continua Misiano.
Il Planetario ha già sostenuto in passato l’Hospice, in particolare nel 2014, devolvendo alla struttura il ricavato di una rappresentazione teatrale ispirata alla scienza.
“Tutti noi – conclude la referente del Pythagoras – abbiamo il dovere di impegnarci affinché la struttura e il personale tutto possano continuare a esercitare le attività professionali e mettere in campo l’impegno personale profuso sino ad oggi”.

Rosi Perrone: “Vicinanza agli operatori Hospice, il cui servizio è testimonianza d’amore”

“La chiusura della struttura dell’ Hospice – Via delle Stelle, non può lasciare indifferenti; e rispetto ad una partecipata e sincera forma di rimostranza da parte di tutti, verso questo triste passaggio, occorre interrogarci su quanto si possa essere effettivamente determinanti affinché la sanità reggina, pur vivendo un momento delicato che ha tutto il nostro appoggio affinché possa essere caratterizzata da criteri di legalità praticata, non perda un baluardo di assistenza e soprattutto di umanità quale l’Hospice. La comunità parteciperà al sit in di domani in piazza Prefettura e questo è un ottimo segnale sia per tutelare la dignità dei lavoratori dell’ Hospice sia per dare un contributo dunque per scongiurare la fine di un servizio rivolto, non solo a coloro i quali decidono di farsi accompagnare negli ultimi istanti della propria vita, ma anche ai loro familiari che alla struttura affidano le più fievoli speranze di mitigazione di sofferenze. Necessita dunque lo sforzo sinergico di tutti i soggetti che possono individuare soluzioni. Tante volte abbiamo denunciato inefficienze e vuoti di merito nella gestione del comparto sanità, ma oggi, al di là della protesta e senza entrare nel merito di se e quanto dovranno chiarire le istituzioni sanitarie, e’ improrogabile la capacità di risoluzione. L’ Hospice non deve chiudere, in ordine a due ragioni: sostenere gli operatori che svolgono con professionalità ed amore una vera e propria missione, un lavoro ed un’ attività della quale la città di Reggio ha assolutamente bisogno e perché quello dell’ Hospice è un servizio di prossimità che si prende cura della fragilità e dei tormenti di coloro ne usufruiscono. Esso “regala”, giorni, ore, minuti di dignità a uomini e donne che nell’umanità del loro dolore, decidono di ricevere l’ ultima carezza. Domani saremo in piazza per difendere questa testimonianza d’amore“- è quanto dichiara Rosi Perrone, Cisl Reggio Calabria.


Valuta questo articolo

No votes yet.
Please wait...


INFORMAZIONI PUBBLICITARIE