fbpx

Reggio Calabria, boss della ‘Ndrangheta al carcere duro dava ordini agli affiliati tramite moglie e lettere con allusioni religiose [NOMI]

  • Foto StrettoWeb / Salvatore Dato
    Foto StrettoWeb / Salvatore Dato
  • Foto StrettoWeb / Salvatore Dato
    Foto StrettoWeb / Salvatore Dato
  • Foto StrettoWeb / Salvatore Dato
    Foto StrettoWeb / Salvatore Dato
  • Foto StrettoWeb / Salvatore Dato
    Foto StrettoWeb / Salvatore Dato
  • Foto StrettoWeb / Salvatore Dato
    Foto StrettoWeb / Salvatore Dato
  • Foto StrettoWeb / Salvatore Dato
    Foto StrettoWeb / Salvatore Dato
  • Foto StrettoWeb / Salvatore Dato
    Foto StrettoWeb / Salvatore Dato
  • Foto StrettoWeb / Salvatore Dato
    Foto StrettoWeb / Salvatore Dato
  • Foto StrettoWeb / Salvatore Dato
    Foto StrettoWeb / Salvatore Dato
  • Foto StrettoWeb / Salvatore Dato
    Foto StrettoWeb / Salvatore Dato
  • Foto StrettoWeb / Salvatore Dato
    Foto StrettoWeb / Salvatore Dato
  • Foto StrettoWeb / Salvatore Dato
    Foto StrettoWeb / Salvatore Dato
  • Foto StrettoWeb / Salvatore Dato
    Foto StrettoWeb / Salvatore Dato
  • Foto StrettoWeb / Salvatore Dato
    Foto StrettoWeb / Salvatore Dato
  • Foto StrettoWeb / Salvatore Dato
    Foto StrettoWeb / Salvatore Dato
  • Foto StrettoWeb / Salvatore Dato
    Foto StrettoWeb / Salvatore Dato
  • Foto StrettoWeb / Salvatore Dato
    Foto StrettoWeb / Salvatore Dato
/

Reggio Calabria, ricostruite le dinamiche interne alla cosca Libri, tra le più potenti della ‘ndrangheta cittadina

L’operazione ‘Libro Nero’ condotta oggi dalla squadra mobile di Reggio Calabria contro la cosca ‘Libri’ ha fatto emergere il ruolo apicale ricoperto, in seno alla cosca, dal detenuto Antonio Caridi il quale, in base alle intercettazioni, aveva ereditato il ruolo di capo cosca direttamente dal defunto suocero Domenico Libri, detto ‘don Mico’, storico patriarca dell’omonima potente cosca reggina. Nonostante Caridi fosse sottoposto al carcere duro, scrivono gli inquirenti, “ha continuato ad impartire direttive agli affiliati liberi, attraverso i colloqui con la moglie Rosa Libri, figlia di Domenico, e con l’avvocato Giuseppe Putortì, suo difensore di fiducia. Il detenuto faceva giungere all’esterno le sue disposizioni anche attraverso missive, dal contenuto criptico e con allusioni religiose, che spediva a Saverio Pellicanò il quale le consegnava, a sua volta, a Rosa Libri”. Dalle indagini si evince, prosegue la procura, “che l’avvocato Putortì portava a destinazione le direttive impartite dal detenuto, incontrando personalmente alcuni esponenti della cosca, sia presso il proprio studio che in altri luoghi, dando peraltro loro utili indicazioni in merito, ad esempio, ad eventuali attività commerciali da acquistare al fine di accrescere il potere economico dell’organizzazione criminale”.

Reggio Calabria, storico blitz contro la ‘Ndrangheta: 17 arresti “eccellenti”, decapitato il Pd. Sequestrate 14 note attività, c’è anche una frequentatissima pizzeria del centro storico [NOMI, FOTO e DETTAGLI]

Reggio Calabria, storico blitz contro la ‘Ndrangheta: le immagini degli arrestati che lasciano la Questura [VIDEO]

Reggio Calabria, storico blitz contro la ‘Ndrangheta: le intercettazioni [VIDEO]

Reggio Calabria, storico blitz contro la ‘Ndrangheta: intervista al Procuratore Giovanni Bombardieri [VIDEO]

Reggio Calabria, storico blitz contro la ‘Ndrangheta: intervista a Francesco Messina, Direttore Centrale Anticrimine [VIDEO]

Reggio Calabria, arrestati i capogruppo di Pd e Fdi in Consiglio Regionale: maxi blitz contro la cosca Libri [VIDEO]