fbpx

Pd: oltre 11mln di spese in bilancio, dipendenti e campagne elettorali costi principali

Roma, 8 lug. (AdnKronos) – Undici milioni e 819.729 euro. Questo l’ammontare delle spese per il Pd secondo l’ultimo bilancio, quello relativo all’esercizio 2018, come si legge nelle relazione del tesoriere Luigi Zanda che l’Adnkronos ha potuto visionare. Le voci principali di spesa sono quelle relative alle campagne elettorali (2.693.696 euro) e i costi per il personale dipendente (4.690.738 euro).
Nel dettaglio, si legge nella relazione di Zanda, i costi sono così ripartiti: costi per acquisti di beni (cancelleria, materiale di consumo) 29.830 euro; costi per servizi ovvero spese per collaboratori e consulenze pari a 576.468 euro e quindi le spese elettorali (propaganda, organizzazione eventi, sondaggi) che ammontano a 2.693.696.
Nella relazione viene anche nominata la sede del Pd senza però che vi sia alcun accenno a uno spostamento nè a un ridimensionamento del Nazareno, come era stato ipotizzato nei giorni scorsi. “Spese per servizi afferenti la Sede Nazionale (Vigilanza, manutenzioni e riparazioni, assicurazioni, pulizia locali e servizi logistici) 507.260 euro”, è l’unico accenno alla questione sede dem. Poi ci sono le spese per le utenze pari a 190.566 euro e quelle per “viaggi, trasferte, alberghi e ristoranti, rappresentanza, rimborsi spese, automezzi” che arrivano a 336.152 euro. Ed ancora “spese amministrative (Postali, ecc.) 55.162”.