fbpx

‘Ndrangheta, blitz a Reggio Calabria: gli indagati temevano il pentimento del killer del padre di Alessandro Nicolò

  • Foto StrettoWeb / Salvatore Dato
    Foto StrettoWeb / Salvatore Dato
  • Foto StrettoWeb / Salvatore Dato
    Foto StrettoWeb / Salvatore Dato
  • Foto StrettoWeb / Salvatore Dato
    Foto StrettoWeb / Salvatore Dato
  • Foto StrettoWeb / Salvatore Dato
    Foto StrettoWeb / Salvatore Dato
  • Foto StrettoWeb / Salvatore Dato
    Foto StrettoWeb / Salvatore Dato
  • Foto StrettoWeb / Salvatore Dato
    Foto StrettoWeb / Salvatore Dato
  • Foto StrettoWeb / Salvatore Dato
    Foto StrettoWeb / Salvatore Dato
  • Foto StrettoWeb / Salvatore Dato
    Foto StrettoWeb / Salvatore Dato
  • Foto StrettoWeb / Salvatore Dato
    Foto StrettoWeb / Salvatore Dato
  • Foto StrettoWeb / Salvatore Dato
    Foto StrettoWeb / Salvatore Dato
  • Foto StrettoWeb / Salvatore Dato
    Foto StrettoWeb / Salvatore Dato
  • Foto StrettoWeb / Salvatore Dato
    Foto StrettoWeb / Salvatore Dato
  • Foto StrettoWeb / Salvatore Dato
    Foto StrettoWeb / Salvatore Dato
  • Foto StrettoWeb / Salvatore Dato
    Foto StrettoWeb / Salvatore Dato
  • Foto StrettoWeb / Salvatore Dato
    Foto StrettoWeb / Salvatore Dato
  • Foto StrettoWeb / Salvatore Dato
    Foto StrettoWeb / Salvatore Dato
  • Foto StrettoWeb / Salvatore Dato
    Foto StrettoWeb / Salvatore Dato
/

‘Ndrangheta, blitz a Reggio Calabria: Tortorella e Sartiano sono stati intercettati dalla squadra mobile mentre commentavano la scomparsa, avvenuta il 20 gennaio 2004, di Pietro Nicolo’

Giuseppe Demetrio Tortorella e Stefano Sartiano, due degli arrestati nell’operazione “Libro Nero”, temevano il pentimento di un membro del clan, Domenico Ventura, considerato uno dei killer di fiducia del capobastone ‘Mico’ Libri. Tortorella e Sartiano sono stati intercettati dalla squadra mobile mentre commentavano la scomparsa, avvenuta il 20 gennaio 2004, di Pietro Nicolo’, 71 anni, ferroviere incensurato, padre del consigliere regionale Alessandro Nicolo’, e di Giuseppe Morabito, un piccolo imprenditore edile, allontanatisi insieme in macchina da Reggio Calabria, senza che a tutt’oggi siano stati ritrovati i corpi. L’utilitaria di Morabito su cui si erano allontanati fu ritrovata alcuni mesi dopo a Pellaro, nella periferia sud di Reggio Calabria, perfettamente pulita e senza un graffio, in un parcheggio. Tortorella e Sartiano, paventano il pericolo (“se si butta pentito Ventura – si legge nelle intercettazioni – escono tutte le cose fuori..”) che gli inquirenti risalgono agli esecutori e mandanti della duplice lupara bianca. “Nessun commento appare necessario – scrive il Gip Armaleo – giova solo evidenziare che i due (Tortorella e Sartiano) sono profondi conoscitori dei fatti interni al sodalizio a cui appartengono, sanno che Ventura Domenico potrebbe rivelare che, su mandato del defunto boss Domenico Libri, abbia ucciso in data 28 gennaio 2004 Giuseppe Morabito e Pietro Nicolo’. Questa conversazione – continua il Gip – assume una portata probatoria devastante. E’ noto ai due che il Nicolo’ (Alessandro) sia referente politico dei Libri in seno al Consiglio regionale della Calabria, che sia stato eletto con i voti della cosca di Cannavo’, la stessa cosca che gli ha ucciso il padre e comprendono, quindi, che la collaborazione di Ventura possa porre fine alla relazione politico-criminale instauratasi tra la cosca e il politico regionale”.

Reggio Calabria, storico blitz contro la ‘Ndrangheta: le immagini degli arrestati che lasciano la Questura [VIDEO]

Reggio Calabria, storico blitz contro la ‘Ndrangheta: le intercettazioni [VIDEO]

Reggio Calabria, storico blitz contro la ‘Ndrangheta: intervista al Procuratore Giovanni Bombardieri [VIDEO]

Reggio Calabria, storico blitz contro la ‘Ndrangheta: intervista a Francesco Messina, Direttore Centrale Anticrimine [VIDEO]

Reggio Calabria, arrestati i capogruppo di Pd e Fdi in Consiglio Regionale: maxi blitz contro la cosca Libri [VIDEO]