fbpx

Un parco urbano nella zona nord di Messina: occhi puntati sul progetto “RecuperiAmoSperone”

Lente d’ingrandimento per la realizzazione del progetto “RecuperiAmoSperone”. Darebbe vita al primo parco urbano nella zona nord di Messina. Serena Giannetto interroga l’Amministrazione comunale

Sensibile alle questioni ambientali del nostro territorio, dopo essersi confrontata con associazioni e cittadini, la consigliera comunale M5S Serena Giannetto ha presentato un’interrogazione all’Amministrazione comunale, chiedendo pareri in merito al progetto RecuperiAmoSperone. Il progetto darebbe alla città non solo l’opportunità di dotarsi del primo parco urbano della zona nord, ma anche opera a costo zero perché risulta già finanziata.

Ho chiesto all’Amministrazione- racconta la consigliera Giannetto-  se sia propensa alla realizzazione di questa opera a Sperone, già interamente finanziata da SNAM rete gas con i fondi previsti per le opere compensative, che prevedono uno stanziamento di circa € 60.000,00. Oltre a questo il progetto prevede anche:
la piantumazione di numerosi alberi che darebbe il via nuovamente alla campagna “un albero per ogni nato” in sinergia con il vicino ospedale Papardo;
La realizzazione di un’area pic nic – giochi per bambini e aree libere alle spalle della chiesetta dei Miracoli;
La riqualificazione dell’attuale tracciato di gioco per renderlo fruibile a tutta la comunità.
Un argomento che è stato già oggetto di attenzione negli ultimi anni ma che, ancora, sembra mancare di un ultimo passaggio per la sua realizzazione. Oltre a delle proposte sottoscritte da alcune Associazioni del luogo e a due raccolte firme vi sono stati anche diversi atti amministrativi tra cui un Decreto Sindacale della Città Metropolitana, il n° 99 del 20/04/2018, e una delibera di Giunta, la n° 337 del 05/06/2018 che mirano a risolvere questo annoso problema . Perché non sbloccare definitivamente l’impasse burocratica per regalare alla città un’area importante per il territorio a costo zero?”– conclude la consigliera.