fbpx

Maxi Blitz contro la ‘Ndrangheta a Roma: le mani delle cosche sulla Capitale. Colpiti i Morabito, i Mollica, i Ligato, gli Scriva e i Velonà [DETTAGLI]

‘Ndrangheta a Roma, maxi blitz della polizia contro le cosche che tengono sotto controllo la Capitale. I dettagli

Un maxi sequestro è stato eseguito questa mattina da poliziotti della Divisione Anticrimine della Questura di Roma per un valore complessivo di oltre 120 milioni di euro nei confronti di esponenti di spicco della ‘Ndrangheta radicata a Roma e provincia dagli anni ’80. All’operazione hanno partecipato oltre 250 agenti della polizia e oltre alla questura di Roma sono state coinvolte altre 10 questure. Tra i nomi degli ndranghetisti colpiti dal provvedimento emergono gli Scriva, i Morabito, i Mollica, i Velonà e i Ligato. Tra i beni sequestrati ci sono 173 immobili situati tra Roma, Rignano Flaminio, Morlupo, Campagnano Romano, Grottaferrata ed altre province italiane. All’operazione hanno partecipato 250 uomini della polizia. Oltre a quella di Roma, sono coinvolte anche altre 10 Questure.

‘Ndrangheta a Roma, Salvini: “arresti e sequestri risposta di legalità”

Grazie alle forze dell’ordine e agli inquirenti. Ieri ero stato in Calabria per promettere tolleranza zero contro i clan: arresti e sequestri sono la risposta migliore a chi ci chiede pulizia e legalita‘”. Cosi’ il vicepremier e ministro dell’Interno Matteo Salvini commenta l’indagine della Polizia contro gli interessi della ‘Ndrangheta a Roma che ha portato al sequestro di beni per 120 milioni.

‘Ndrangheta a Roma, Morra: “Quando lo Stato c’è, non ce n’è per nessuno “

173 immobili sequestrati per in valore di 120 mln di euro ai danni della ‘Ndrangheta. A Roma. Eppure c’era chi sosteneva che a Roma non ci fosse la Mafia. Quando lo Stato c’è, non ce n’è per nessuno. Neppure per la Mafia“. Così il presidente della commissione Antimafia Nicola Morra (M5S) su Twitter.

‘Ndrangheta a Roma, Buschini (Pd): “bene operazione anticrimine a Roma”

Voglio ringraziare la magistratura, la divisione anticrimine di Roma cosi come la polizia per la straordinaria inchiesta che ha portato al sequestro di decine di immobili a Roma in provincia e in altre città d’Italia“. Lo scrive in un comunicato il presidente del Consiglio regionale del Lazio Mauro Buschini. “L’operazione taglia le gambe ai clan della ‘Ndrangheta che da anni avevano infettato il tessuto economico e immobiliare della Capitale e della provincia – conclude Buschini – che era soffocato da pesanti infiltrazioni di diverse mafie, come dimostrano le inchieste di questi ultimissimi anni“.

‘Ndrangheta, Gaetti: “lo Stato è presente”

Accendere la luce su queste realta’ e’ molto importante, il territorio della provincia di Roma ci si trova di fronte ad un quadro variegato e composito, dove logiche criminali, strutture mafiose tra loro indipendenti e variabili culturali si alternano e si mescolano in una pluralita’ di relazioni tutte meritevoli di ulteriori approfondimenti. Bisogna rilanciare il riutilizzo sociale dei beni confiscati alla mafia e alla criminalita’ organizzata: infatti, la re-immissione nel circuito dell’economia legale degli immobili e delle aziende confiscate alla criminalita’ organizzata costituisce un segnale positivo per la comunita’, di vittoria dello Stato e della legalita‘”. Lo afferma il sottosegretario all’Interno Luigi Gaetti. “E’ importante stimolare e valorizzare, attraverso la destinazione dei beni confiscati, la fattiva e quotidiana collaborazione dei cittadini nella gestione cooperativa dei beni stessi. Gli arresti di oggi – conclude il Sottosegretario – non fanno altro che confermare come la presenza costante e la continua collaborazione delle Forze di Polizia siano la risposta piu’ efficace contro ogni forma di criminalita’ organizzata. Lo Stato e’ presente, grazie a tutte le Forze di Polizia“.

‘Ndrangheta a Roma, Leodori: “grazie a magistrati e polizia per tutelare la legalità nella provincia della Capitale”

Una nuova straordinaria operazione, un altro duro colpo al malaffare dei clan della ‘Ndrangheta a Roma e nella sua area metropolitana a conferma di quanto le mafie sono riuscite a penetrare e prendere in mano parte dell’economia della Capitale“. Lo scrive in una nota il vice presidente della Regione Lazio, Daniele Leodori. “L’azione della magistratura, in particolare la Divisione anticrimine e la questura di Roma che hanno condotto questa straordinaria indagine, – conclude Leodori – vanno sostenute e in ogni modo perché la tutela della legalità deve essere innanzitutto un’azione preventiva, a volte difficile, ma che non può essere lasciata soltanto a inquirenti e forze di polizia“.

‘Ndrangheta a Roma, il Sindaco Raggi: “criminalità è in città e va combattuta”

Grazie alle forze dell’ordine e agli inquirenti per la maxi operazione nei confronti di esponenti della ‘Ndrangheta a Roma. La criminalita’ nella Capitale c’e’ e va combattuta tutti insieme. Cittadini e istituzioni devono essere uniti in questa lotta. Noi ci siamo“. Lo scrive la sindaca di Roma Virginia Raggi sul suo profilo Twitter.

‘Ndrangheta a Roma, Pinotti: “complimenti per operazione brillante”

Complimenti alle forze dell’ordine e alla magistratura per la brillante operazione condotta a Roma che ha consentito di porre sotto sequestro ingenti beni immobili riconducibili alla ‘Ndrangheta. La lotta alla malavita organizzata richiede un crescente coordinamento tra i vari apparati dello Stato ben sapendo che il contrasto sul piano finanziario rappresenta uno degli aspetti principali di questa battaglia”. Lo dichiara in una nota Roberta Pinotti, responsabile Politiche della Sicurezza del PD ed ex ministro della Difesa.