Mafia, arresti tra Palermo e New York: duro colpo agli Inzerillo, la famiglia sterminata da Totò Riina  [FOTO]

  • AFP/LaPresse
    AFP/LaPresse
  • AFP/LaPresse
    AFP/LaPresse
  • AFP/LaPresse
    AFP/LaPresse
  • AFP/LaPresse
    AFP/LaPresse
  • AFP/LaPresse
    AFP/LaPresse
  • AFP/LaPresse
    AFP/LaPresse
  • AFP/LaPresse
    AFP/LaPresse
  • AFP/LaPresse
    AFP/LaPresse
/

Arrestate 18 persone nell’ambito dell’operazione New Connection, che ha tagliato la testa al mandamento mafioso di Passo di Rigano: duro colpo alle famiglie Inzerillo e Gambino

Volevano riprendersi Palermo e ritornare a comandare. Si tratta dei boss scappati negli anni ’80 alla furia di Totò Riina ed esiliati a New York, La Dda di Palermo, che ha coordinato l’indagine di Polizia e Fbi, è riuscita ad arrestate 18 persone, nell’ambito dell’operazione New Connection, che ha tagliato la testa al mandamento mafioso di Passo di Rigano, sancendo un duro colpo alle famiglie Inzerillo e Gambino. Tra gli arrestati anche il sindaco di Torretta, Salvatore Gambino, che sarebbe stato a disposizione della mafia. Una persona è ancora ricercata. La famiglia degli Inzerillo, decimata dalla fazione dei corleonesi, subito dopo l’omicidio di Salvatore Inzerillo, nel 1981, si era rifugiata negli Usa, ma Tommaso e Francesco, erano rientrati in Italia nel 2000 ed erano riusciti a ristabilire un equilibrio all’interno della famiglia mafiosa in Sicilia.

 


Valuta questo articolo

Rating: 3.3/5. From 3 votes.
Please wait...

INFORMAZIONI PUBBLICITARIE