Carcerato tenta di evadere dal carcere di Augusta: “istituto al collasso, intervenga la direzione”

Il carcerato, un detenuto extracomunitario, ha cercato di scappare questa mattina dal carcere di Augusta

Tentativo di evasione stamani da parte di un detenuto extracomunitario condotto all’Ospedale di Augusta, in provincia di Siracusa, per effettuare una visita medica. A darne notizia è il S.Commissario nazionale UILPA Polizia Penitenziaria Armando Algozzino, sottolineando come, ancora una volta “il peggio sia stato evitato grazie alla prontezza e alla professionalità degli agenti”.

Dopo una furente colluttazione, infatti, i poliziotti penitenziari sono riusciti a bloccare il fuggitivo, finendo al pronto soccorso e rimediando una prognosi di quindici giorni a testa, a causa delle ferite riportate. “Soltanto l’ultimo episodio – commenta Algozzino – che racconta l’insostenibilità delle condizioni in cui opera la Polizia Penitenziaria, alle prese con l’indifferenza dell’amministrazione e turni di lavoro massacranti”. “Ad Augusta il personale sta dando il massimo malgrado i disagi e le criticità in atto  – precisa – eppure sembra che la direzione non se ne accorga: i rapporti disciplinari, circa quindici negli ultimi giorni, di certo non rendono giustizia a chi lavora alacremente fronteggiando anche la carenza di organico ”. “Esprimo la mia solidarietà agli agenti  feriti – aggiunge –  e auguro loro pronta guarigione: ormai, purtroppo, i tentativi di fuga sono all’ordine del giorno e la situazione rischia di diventare ancora più drammatica, se possibile, se non saranno adottati provvedimenti finalizzati ad inasprire le pene per chi tenta di evadere”. “Il prossimo 26 luglio a Palermo, davanti alla Prefettura in via Cavour – conclude l’esponente sindacale – la UILPA Polizia Penitenziaria protesterà accanto alle sigle Sappe, Osapp, Fns Cisl e Cgil Fp  e USPP per accendere i riflettori sui carichi di lavoro e i turni impossibili“.


Valuta questo articolo

No votes yet.
Please wait...


INFORMAZIONI PUBBLICITARIE