Calabria, contrasto al traffico di sostanze stupefacenti: sequestrate 450 piante di cannabis

Calabria: la guardia di finanza ha individuato la presenza di piantagioni di marijuana

Prosegue incessante l’attività svolta dai reparti della guardia di finanza a contrasto dello spaccio e del traffico di sostanze stupefacenti.

Determinante, in questo caso, si è rivelata l’azione dei velivoli del reparto operativo aereonavale delle fiamme gialle di vibo valentia, i quali, nei giorni scorsi, nel corso di una perlustrazione aerea, hanno individuato la possibile presenza di piantagioni di marijuana  sui costoni rocciosi di Tiriolo, una località in provincia di Catanzaro.

Nonostante le impervie condizioni dell’area boschiva segnalata, i finanzieri del gruppo di catanzaro, prontamente attivati, sono riusciti a crearsi un varco tra la fitta vegetazione, riuscendo così ad individuare, dopo ore di cammino, due piantagioni, ove sono risultate coltivate ben 450 piante di cannabis, dislocate in terrazzamenti creati ad hoc e ricoperti da una fittissima vegetazione, all’evidente scopo di  occultare l’illecita coltivazione.

Artigianali ma molto efficaci i sistemi di irrigazione adottati, così come accertato dalle fiamme gialle catanzaresi: in un caso, infatti, si è fatto ricorso ad un motore elettrico, alimentato con la batteria di un’auto tenuta in carico da un piccolo pannello fotovoltaico, atto a pompare l’acqua lungo tutto l’argine del torrente; nella seconda piantagione, invece, più semplicemente veniva sfruttata la caduta dell’acqua da una vasca di raccoglimento in cui confluiva una sorgente naturale mediante un lungo tubo di gomma.

Dalle condizioni generali delle piante, si presume che dalle stesse si sarebbe potuto ottenere un quantitativo di circa 400 kg di stupefacente che, introdotto nel mercato, avrebbe prodotto illeciti ricavi per circa 2 milioni di euro.


Valuta questo articolo

No votes yet.
Please wait...


INFORMAZIONI PUBBLICITARIE