fbpx

Buon compleanno Mattarella: il Presidente della Repubblica compie 78 anni

Paolo Giandotti/Ufficio Stampa Quirinale/LaPresse

Il presidente della Repubblica Sergio Mattarella oggi compie 78 anni

Sergio Mattarella oggi compie 78 anni. Tantissimi in queste ore sui social gli auguri di buon compleanno al Presidente della Repubblica.

Landini: “Auguri presidente, garante della democrazia e dei valori della costituzione” 

”A nome mio personale e della Cgil, desidero esprimere al Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, i più sinceri auguri per il suo compleanno”. Parole del segretario generale della Cgil, Maurizio Landini. ”In questi anni difficili- prosegue il segretario della Cgil – il Presidente Mattarella, con il suo garbo, la sua discrezione, il suo equilibrio e rigore morale, il suo alto senso delle istituzioni, ha svolto un ruolo fondamentale di garante della democrazia e dei valori della Costituzione Repubblicana”.

”Il Presidente Mattarella – conclude Landini – in questa fase di crisi economica, politica e sociale, che ha colpito in modo rilevante le fasce più deboli del nostro Paese, è sempre stato vicino alle ragioni dei lavoratori, dei pensionati, dei giovani e dei precari. Lo ringraziamo per quanto ha fatto e continuerà a fare”.

Gli auguri dell’AnciSicilia

Esprimiamo i nostri migliori auguri al Presidente della Repubblica italiana, Sergio Mattarella, in occasione del suo 78esimo compleanno ringraziandolo per il suo costante e quotidiano impegno a difesa della Costituzione e dei valori democratici del nostro Paese“. Dichiarano Leoluca Orlando e Mario Emanuele Alvano, presidente e segretario generale di AnciSicilia. “Rivolgiamo al Presidente, inoltre, la nostra più profonda riconoscenza – continuano Orlando e Alvano– per la sua opera al servizio delle istituzioni”.

Sergio Mattarella

Sergio Mattarella, nato a Castellamare del Golfo nel 1941. Il padre, Bernardo è stato un uomo democristiano mentre suo fratello maggiore Piersanti fece carriera in politica fino a divenire presidente della regione Sicilia. Fu assassinato da Cosa nostra a seguito della denuncia al proprio assessore, Giuseppe Aleppo, di aver manomesso i contributi agricoli regionali.

Sergio, al contrario, entra in politica grazie alla Democrazia Cristiana proprio come suo padre e suo fratello, ma poi diventa deputato per il Partito Popolare Italiano e in seguito per la Margherita. Dal 2011 fu giudice costituzionale di nomina parlamentare. Nel 1989 venne eletto Ministro dell’Istruzione, nel 1998 è Vice presidente del Consiglio dei Ministri, nel 1999 viene nominato Ministro della difesa. A lui si deve anche la legge Mattarella, alla quale il politologo Giovanni Sartori diede l’appellativo di “Mattarellum”, che fu impiegata per le elezioni politiche del 1994, del 1996 e del 2001.