fbpx

Messina, uomo scopre di avere un tumore all’esofago ma la bravura dei medici di Villa Salus gli restituisce il sorriso: la commovente lettera dopo l’intervento

Le parole del paziente affetto da un male all’esofago operato a Villa Salus a Messina

La lettera di ringraziamento inviata da un paziente affetto da un male all’esofago e rivolta all’equipe del chirurgo oncologo reggino Vincenzo Corsaro che opera presso la Villa Salus di Messina.

Al Reparto di chirurgia Oncologica Diretto dal Dott. V. Corsaro 

Qualche mese fa in seguito ad un Rx Esofagogramma eseguito presso ospedale della città mi viene diagnosticato un male all’esofago!

Dinanzi al mio smarrimento, il mio medico di famiglia (e di fiducia), dott. Cincotta, mi suggerisce il nome del dott. Vincenzo Corsaro, chirurgo toracico, alla Villa Salus di Messina, al quale decido di rivolgermi.  

Non posso nascondere la preoccupazione e l’angoscia con cui mi sono approcciato al problema. Quello che temo di dover affrontare in parte mi terrorizza. Ma nel corso di un lungo ed approfondito colloquio lo stesso Corsaro, il dott. Borruto (endoscopista) ed il responsabile dell’anestesia dott. Musuraca, mi prospettano l’iter chirurgico con grande serenità, garbo e professionalità. Decido di fidarmi e di “affidarmi” a loro.

Ho due figli meravigliosi entrambi residenti al nord e per l’amore che ci lega mi avevano già collocato in importanti strutture milanesi ed emiliane. Invece, grazie al supporto di mia moglie che non mi ha mia lasciato solo per un attimo “GRAZIE AMORE MIO”, decidiamo INSIEME di fermarci qui nella nostra città di Messina tra le nostre cose, affetti e professionisti capaci e brillanti.

In tempi rapidissimi mi viene completato l’iter diagnostico necessario ad affrontare un intervento ad altissima complessità, eseguito solo in pochi centri nella nostra regione.

Dopo qualche giorno, finalmente, il Dott. Corsaro e la sua equipe (le dottoresse Niceta e Cingari), mi operano. Si tratta di un intervento estremamente complesso che, mi spiegano, ha comportato un doppio accesso, toracico e addominale. Come “di routine”, sono stato sottoposto a circa ventiquattr’ore di monitoraggio nell’unità di assistenza intensiva post-operatoria. Ma alla fine tutto si è concluso brillantemente!

Oggi mi trovo a casa mia. La mia gratitudine è rivolta a tutti loro che si sono occupati di me in questo momento particolare.

Semplicemente GRAZIE PER IL VOSTRO LAVORO!!

Messina, 4 giugno 2019 

Giovanni Gravina e Annunziata Lanza