fbpx

Caldo da record, anche Reggio Calabria a rischio. La proposta dei Verdi: “Si dichiari lo stato di emergenza climatica e ambientale”

I Verdi: “Indispensabile, soprattutto per una città come Reggio Calabria, redigere una mappa del rischio climatico, prevedendo strumenti utili all’individuazione delle aree a maggior pericolo”

I  Verdi della città di Reggio Calabria ringraziano il sindaco e l’intera giunta comunale per l’adesione al protocollo “Plastic Free” e l’adozione dell’ottima iniziativa con noi discussa, sul riconoscimento dei locali commerciali aderenti a questa campagna.“Le iniziative ambientali– dichiara Vincenzo Giordano, Consigliere di Federazione Nazionale dei Verdi-iniziano a piccoli passi ma danno subito grandi risultati, come il bike sharing cittadino, che offre una nuova immagine alla città e di cui i Verdi sono orgogliosi sostenitori. Nell’ottica di questa tendenza ecologista manifestata del governo cittadino, i Verdi reggini si rivolgono ancora all’Amministrazione comunale chiedendo, come già fatto formalmente, di dichiarare lo stato di emergenza climatica e ambientale”. I Verdi ritengono che, nella valutazione della dimensione dell’argomento in richiesta, “sia indispensabile che la stessa mozione venga discussa in sede di giunta metropolitana ed approvata dalla Città Metropolitana di Reggio Calabria, con conseguente indicazione di indirizzo a tutti i comuni territorialmente competenti (ad eccezione delle Amministrazioni che hanno già approvato quanto in oggetto). E’ ormai evidente che l’intensità e l’andamento dei fenomeni meteorologici, gli episodi di trombe d’aria e le ondate di calore, abbiano assunto caratteri drammatici e riconducibili alla prospettiva dei cambiamenti climatici. I danni alle infrastrutture, alle attività agricole, ai beni archeologici ed al patrimonio storico culturale, fino alla perdita di vite umane, sono allarmanti in tutta Italia e soprattutto nelle aree territoriali come la nostra. E’ quindi indispensabile, soprattutto per città come Reggio Calabria, redigere una mappa del rischio climatico, ossia prevedere strumenti utili all’individuazione delle aree a maggior pericolo, redigere piani in collaborazione con la Protezione Civile necessari a rafforzare la sicurezza per i cittadini ed elaborare progetti di adattamento delle fiumare, delle infrastrutture e dei quartieri.  Per mitigare i rischi riconosciuti, la dichiarazione di emergenza climatica prevede la predisposizione di iniziative che vadano nella direzione della riduzione delle emissioni e per la promozione delle energie rinnovabili, per incentivare il risparmio energetico nei settori della Pianificazione Urbana, nella mobilità, negli edifici e nella riforestazione urbana. E’ necessario intensificare il coinvolgimento attivo di cittadini e delle associazioni nel processo di individuazione delle criticità ambientali e nella loro soluzione e divenire parte attiva presso il Governo e la Regione perché prendano provvedimenti analoghi. Ad oggi pochi comuni della Calabria hanno dichiarato l’emergenza climatica, tra cui Acri che è stato tra i primi in Italia. In provincia di Reggio Calabria si registra il comune di Placanica, con una delibera di giunta di pochi gironi fa. Aspettiamo fiduciosi che questa richiesta venga posta all’odg della prima riunione di giunta ed approvata all’unanimità”.