fbpx

Sblocca cantieri, via libera dal Senato: ok al commissario straordinario per l’emergenza strade in Sicilia [FOTO]

  • Fabio Cimaglia/LaPresse
LaPresse/Fabio Cimaglia
    Fabio Cimaglia/LaPresse LaPresse/Fabio Cimaglia
  • Fabio Cimaglia/LaPresse
LaPresse/Fabio Cimaglia
    Fabio Cimaglia/LaPresse LaPresse/Fabio Cimaglia
  • Fabio Cimaglia/LaPresse
LaPresse/Fabio Cimaglia
    Fabio Cimaglia/LaPresse LaPresse/Fabio Cimaglia
  • Fabio Cimaglia/LaPresse
LaPresse/Fabio Cimaglia
    Fabio Cimaglia/LaPresse LaPresse/Fabio Cimaglia
  • Fabio Cimaglia/LaPresse
LaPresse/Fabio Cimaglia
    Fabio Cimaglia/LaPresse LaPresse/Fabio Cimaglia
  • Fabio Cimaglia/LaPresse
LaPresse/Fabio Cimaglia
    Fabio Cimaglia/LaPresse LaPresse/Fabio Cimaglia
  • Fabio Cimaglia/LaPresse
LaPresse/Fabio Cimaglia
    Fabio Cimaglia/LaPresse LaPresse/Fabio Cimaglia
  • Fabio Cimaglia/LaPresse
LaPresse/Fabio Cimaglia
    Fabio Cimaglia/LaPresse LaPresse/Fabio Cimaglia
/

Ok dal Senato, con lo Sblocca Cantieri un commissario ad hoc per le strade in Sicilia, misure e finanziamenti ai Comuni e messa in sicurezza del territorio. Soddisfatte le deputate M5S di Messina Floridia e D’Angelo

Oggi in Senato è stato approvato lo Sblocca Cantieri. Le Senatrici di Messina del MoVimento 5 Stelle, Floridia e D’Angelo manifestano grande soddisfazione per l’istituzione di un commissario ad hoc per le strade siciliane e per i molti provvedimenti approvati a loro firma.

L’emendamento  consente il completamento degli interventi di messa in sicurezza di edifici e territorio da parte dei comuni, in relazione ai contributi per investimenti concessi nel 2018.

Con la riforma del comma 859 della L. 205/2017 sventiamo il rischio che molti Comuni possano essere chiamati a restituire i finanziamenti ricevuti a causa dello sforamento dei termini per l’affidamento estremamente stringenti. Ciò avrebbe posto gravi problemi alle già precarie situazioni finanziarie degli Enti Locali e avrebbe impedito la realizzazione degli interventi necessari per la sicurezza dei cittadini. L’attenzione ai territori e alle loro esigenze sarà sempre una priorità del MoVimento.” dichiara la Sen. Floridia.

Le senatrici hanno anche impegnato il Governo per la bonifica e messa in sicurezza dei siti di discarica in linea alle prescrizioni europee e alla necessità della mappatura delle aree a rischio dissesto idrogeologico, sismico e vulcanico.

Sblocca Cantieri, M5S: “Con nostro emendamento le competenze del commissario depurazione estese a nuove procedure infrazioni Ue”

“Finalmente, grazie all’impegno del MoVimento 5 Stelle, l’Italia fa un importante passo avanti in materia di depurazione delle acque reflue, tema che com’è noto crea non pochi problemi al nostro Paese anche in termini di procedure d’infrazione aperte in sede europea. Ebbene, nel corso dell’esame al Senato del decreto Sblocca Cantieri è stato approvato un emendamento molto importante che estende l’ambito di competenza del commissario unico per la depurazione: oltre alle opere già interessate dalle precedenti procedure d’infrazione, al commissario viene infatti affidato anche il trattamento delle procedure in corso n. 2014/2059 e n. 2017/2181 al fine di evitarne l’aggravamento e le possibili ulteriori sanzioni da parte dell’Unione Europea”. Lo affermano i parlamentari del MoVimento 5 Stelle Federica Daga, Ilaria Fontana, Patty L’Abbate e Barbara Floridia insieme al sottosegretario del MoVImento 5 Stelle all’Economia e Finanze Alessio Villarosa.

“Sappiamo benissimo che l’emendamento non risolve tutti i problemi che il commissario unico per la depurazione in questi anni ha evidenziato, ma questo primo importante passo fatto con il decreto Sblocca Cantieri rappresento l’inizio di un percorso che estende il raggio d’azione della struttura. Continueremo lungo la strada tracciata con l’esame in Parlamento del disegno di legge “Cantiere Ambiente” che il Ministero dell’Ambiente ha predisposto e che è in attesa del parere della conferenza Stato-Regioni. Siamo consapevoli che la struttura del commissario unico per la depurazione in questi anni non è riuscita a lavorare a pieno regime, ma ci è anche chiaro quali siano le ragioni, e per questo siamo convinti che in tempi ragionevoli anche la questione della depurazione delle acque reflue, della quale i precedenti governi non si sono mai davvero occupati, arriverà a risoluzione” concludono i portavoce del MoVimento 5 Stelle.