Rete dei Nautici d’Italia: primo posto per il Caio Duilio di Messina

La privilegiata posizione di capofila aprirà al all’Istituto scolastico di Messina migliori possibilità di confronto con le Istituzioni

L’Istituto Tecnico Nautico Caio Duilio di Messina, vola al primo posto della Rete Nazionale dei Nautici d’Italia.
Al centro della competizione, l’affermazione di una formazione marittima di qualità imposta con vigore dalla preside Maria Schirò, nominata presidente della Rete lo scorso 5 giugno,dalla commissione elettorale riunita a Napoli all’Istituto Tecnico Nautico Duca degli Abruzzi.
Una sfida importante lanciata dalla professoressa Schirò con consapevolezza del proprio impegno nei sette anni alla guida dell’Istituto Nautico Caio Duilio, oggi capofila del coordinamento nazionale della formazione marittima tra 68 scuole italiane in rete.
’Un percorso professionale rilevante e di chiara dedizione all’attività dirigenziale in uno tra i più qualificati istituti scolastici della Città’’ ha sottolineato il Sindaco Cateno De Luca congiuntamente all’assessore alla Pubblica Istruzione Roberto Vincenzo Trimarchi nel complimentarsi con la preside Maria Schirò per la neo nomina. ‘’Un contributo di straordinario significato che pone Messina tra i primi posti nella classifica delle eccellenze nel sistema scolastico italiano rivolto alla formazione dei giovani che si affacciano al lavoro sul mare. Il successo evidenzia le peculiarità del modello formativo del Caio Duilio, da qualche giorno capofila della Rete dei Nautici d’Italia, che la dirigente Schirò, ha saputo mettere in risalto nel conquistare il primato nazionale finora detenuto dal Nautico di Gaeta’’.
La nomina al vertice della Schirò nel network degli Istituti Nautici d’Italia, si aggiunge alla individuazione del Caio Duilio come referente nazionale del Progetto per Sistema di Gestione della Qualità SGQ. L’Istituto è stato riconosciuto dalle istituzioni ministeriali una scuola in progress per la qualità della formazione marittima.
Nell’ambito del Progetto SGQ, che punta al continuo miglioramento dell’offerta formativa attraverso il costante monitoraggio dei processi e delle attività, consentendo agli studenti l’acquisizione di competenze costantemente adeguate alle esigenze del mercato del lavoro nazionale ed internazionale, fanno parte anche i nautici di Cagliari, Salerno, Catanzaro, Gioia Tauro, Mazara del Vallo e S. Agata Militello.
La privilegiata posizione di capofila aprirà al ‘’ Duilio ‘’ migliori possibilità di confronto con i ministeri dell’Istruzione, della Navigazione e il Comando generale della Capitaneria di Porto con cui la Schirò nel nuovo ruolo di presidente della Rete Italiana dei Nautici potrà dialogare e interfacciarsi con maggiore fluidità sul programma in Agenda 2019/2020.
Un passo importante, che porterà grandi vantaggi all’offerta formativa rivolta ai ragazzi che si avvicinano al settore occupazionale della navigazione conseguendo un diploma di maturità con bollino di qualità e quindi ‘’spendibile’’ secondo la preside Schirò, ovvero abilitante subito al lavoro.
Alla riunione di Napoli per il rinnovo del Consiglio direttivo della Rete Nautica, la commissione elettorale oltre ad assegnare la presidenza della Rete Italiana dei Nautici d’Italia alla preside messinese Maria Schirò, ha nominato vicepresidente Laura Elvira Romano, Dirigente scolastica dell’ITTL Duca degli Abruzzi di Napoli.
La composizione del nuovo direttivo è data dai Dirigenti scolastici: Elvira Laura Romano (ITTL Duca degli Abruzzi di Napoli), Cimmino Lucia (ITN – SS di Torre del Greco, Morsellino Brigida (ITN Duca degli Abruzzi di Catania), Litrico Giovanni (I.I.S.S. Gioeni Trabia di Palermo), Aloscari Pasquale (Istituto Superiore A. Rizza di Siracusa), Apollonio Paola (IISS Amerigo Vespucci di Gallipoli), Farina Teresa (ITN Nino Bixio di Piano di Sorrento), Arcuri Girolamo (ITTL Ciliberto – Lucifero di Crotone), Pastorina Angela (ITTL Nautico San Giorgio di Genova), Zembrino Massimiliano (IIS De Pinedo Colonna di Roma), Bigotti Donatella ( (I.S.I.S. Nautico “Tomaso di Savoia duca di Genova” di Trieste), Scuderi Salvatrice Enrica (Istituto Attilio Deffenu di Olbia).


Valuta questo articolo

No votes yet.
Please wait...


INFORMAZIONI PUBBLICITARIE