fbpx

TAOmusica al Teatro Antico di Taormina: stasera Renga in concerto, domani Francesco De Gregori&Orchestra [FOTO e INTERVISTA]

  • Foto di Giovanni Canitano
    Foto di Giovanni Canitano
  • Foto di Giovanni Canitano
    Foto di Giovanni Canitano
  • Foto di Giovanni Canitano
    Foto di Giovanni Canitano
  • Foto di Giovanni Canitano
    Foto di Giovanni Canitano
  • Foto di Giovanni Canitano
    Foto di Giovanni Canitano
  • Foto di Giovanni Canitano
    Foto di Giovanni Canitano
  • Foto di Toni Thorimbert
    Foto di Toni Thorimbert
  • Foto di Toni Thorimbert
    Foto di Toni Thorimbert
/

Al via la nuova stagione di TAOmusica: stasera Renga in concerto a Taormina, domani Francesco De Gregori & Orchestra, per un evento unico nel suo genere

Sarà Francesco Renga, stasera, ad aprire la nuova stagione di TAOmusica al Teatro antico di Taormina, con il suo unico concerto in Sicilia. Il  live di stasera (ore 21) inaugura la rassegna organizzata da Puntoeacapo, con la direzione artistica di Nuccio La Ferlita, quest’anno giunto alla sua terza edizione. Domani, sempre sul palco di Taormina, sarà la volta di Francesco De Gregori & Orchestra, per un evento unico nel suo genere.

Con “DE GREGORI & ORCHESTRA – GREATEST HITS LIVE”, il cantautore presenterà per la prima volta i suoi più grandi successi in un contesto sinfonico, accompagnato sul palco dalla Gaga Symphony Orchestra, diretta da Simone Tonin e composta da quaranta elementi, dal quartetto degli Gnu Quartet, (Raffaele Rebaudengo alla viola, Francesca Rapetti al flauto, Roberto Izzo al violino e Stefano Cabrera al violoncello), dalla band che accompagna De Gregori ormai da lungo tempo (Guido Guglielminetti al basso, Carlo Gaudiello al pianoforte, Paolo Giovenchi alle chitarre, Alessandro Valle alla pedal steel guitar e al mandolino e Simone Talone alle percussioni) e dalle due coriste Vanda Rapisardi e Francesca La Colla. Il concerto sarà aperto dal cantautore Tricarico.

L’intervista a Francesco De Gregori

Questo è un tipo di concerto che non ho mai fatto nella mia vita, un concerto con una grande orchestra di 40 elementi, più un quartetto, quello degli Gnu Quartet (quartetto di flauto, viola, violino e violoncello in cui suona anche Stefano Caprera – violoncellista – che ha arrangiato i pezzi per l’orchestra) e la mia band di sempre (Guido Guglielminetti, Carlo Gaudiello, Paolo Giovenchi, Alessandro Valle e Simone Talone). Sono questi i musicisti che mi accompagneranno in questo tour, non ci saranno variazioni, perché puntavamo ad ottenere una compattezza di suono, dichiarata, voluta e collaudata. Lo spettacolo che porteremo in scena mischia un tessuto musicale che è una contaminazione tra generi vari, io sono molto molto soddisfatto. Credo che un musicista che ormai pratica il mestiere da 50 anni a un certo punto deve inevitabilmente arrivare, o comunque farsi tentare, dal suono orchestrale, perché l’orchestra produce dinamiche, timbriche, armonie che sono a volte nascoste nelle canzoni quando uno le scrive voce e chitarra/pianoforte o le fa con la sua band. L’orchestra aumenta queste potenzialità e, personalmente riesce anche a commuovermi perché magari una canzone sembrava una cosetta così… e invece…

De Gregori e il rapporto con le canzoni più famose del suo repertorio: “La canzone è un qualcosa di vivo, non si può pensare ad essa come a qualcosa che rimane inalterato dall’inizio al termine o ancora pensarla come a qualcosa che non si possa toccare. La musica è liquida, anche in questo senso qui, e non solo la musica pop, la musica leggera… cambia anche la musica classica: …la musica non si presta a stare ingessata. Sta, io credo, all’onestà dell’interprete o del cantautore riconoscere i cambiamenti che sono avvenuti negli anni e quindi non volersi imporre e non imporre al pubblico quello che è stato nel tabernacolo: se io facessi  “Rimmel” come era nel 1975, sarebbe un falso in atto pubblico, perché non si può più fare così, io non ci sono più, “Panta rei”. De Gregori del ‘75 già nel ‘76 non c’era più, e poi non ci sono più quei musicisti, quegli impianti, quegli strumenti, e quindi la canzone è viva… questo è un privilegio che hanno le canzoni rispetto alle arti espressive. Penso, ad esempio alla pittura: un pittore una volta che fa un quadro e lo espone in un museo non può il giorno dopo tornare e dare una pennellata diversa, può farne un altro. Lo stesso un regista, Fellini che dopo un anno rivede “8 e mezzo” magari gli viene l’idea di cambiare qualcosa ma non può farlo. Chi scrive e canta canzoni se lo può permettere e io me lo permetto, senza scandalizzare nessuno…come avrete sentito, le canzoni sono filologicamente rispettate al 100%”.

Ti senti storia? No, no non mi sento storia. Mi sento uno che fa musica, un uomo di spettacolo… che quindi salta sul palco, che canta, che ogni sera c’ha un’intonazione diversa… poi che vuol dire storia? ho scritto delle canzoni che sono piaciute, e alcune rimarranno più di altre, ma questo monumentalizzare il lavoro che faccio non mi trova assolutamente d’accordo … io sono un uomo con i calli sulla punta delle dita, sono un chitarrista, un uomo che non sa che giacca mettersi la sera quando sale sul palco”.

A questo punto per te cantare in un posto piuttosto che in un altro fa la differenza?Ovviamente una differenza estetica importantissima. Certi posti ti danno un’emozione importante. Sono posti della storia dell’arte. Penso a tanti artisti americani che non hanno posti con questa storia alle spalle. Sarei un imbecille se dicessi che i luoghi sono indifferenti. Detto questo il mio rapporto tra la mia musica e il pubblico è comunque lo stesso. A me piace proprio fare concerti, anche sotto i portici e in discoteche in disuso, nei campi sportivi sperduti. Mi piace fare musica, lo faccio con la stessa gioia e la stessa fierezza quando faccio un concerto”.

Un commento sulla fase sinfonica: “È come avere dei figli, ogni giorni li vesti in un modo o in un altro, però alla fine sempre figli sono. La struttura, la spina dorsale delle cose che ho scritto, non è cambiata. Questa cosa non ha preso il sopravvento sulle canzoni, sulle parole, è solamente un’integrazione che sviluppa delle dinamiche, delle linee melodiche che erano sottintese nella struttura originale e che ora ho portato allo scoperto, grazie a come sono state arrangiate e all’orchestra. Questo era il progetto: anche il fatto di tenere la mia band all’interno di questo spettacolo nasce proprio dalla necessità di non abbandonare, ma anzi alimentare il modo in cui le canzoni sono nate. Questo rimane, non viene annullato o cancellato. C’è in più qualcosa che si compenetra”.

Che ne pensi del pezzo di apertura dello show?Oh Venezia” è una bellissima versione orchestrale di un disco che ho fatto con Giovanni Marini, “Il fischio del vapore”. È una musica popolare italiana… ha degli afflati verdiani, qualcosa di totalmente italiano, è festosa… volevo iniziare questo concerto per dare il senso dell’orchestra con un pezzo che fosse solo orchestrale e la scelta è ricaduta su “Oh Venezia”.

Il tuo repertorio è vasto: è rimasto fuori qualche figlio dalla scaletta che magari ricomparirà da qui a settembre? Sì qualcosa rimane fuori per forza. In scaletta ci sono 22 canzoni. A differenza dei concerti al Teatro Garbatella di Roma in cui cambiavo scaletta tutte le sere, e in 20 sere abbiamo fatto 60 canzoni. Però sono scelte, non voglio dire dolorose, ma in qualche modo obbligate. Ho scelto le canzoni anche in ragione del fatto di come le avrebbe fatte l’orchestra. Ho sacrificato per forza dei pezzi più ritmici, che con l’orchestra avrebbe avuto poco senso fare. Però sì, ci sono delle rinunce”.

In scaletta torna un pezzo che non facevi da un po’, “Pablo”. C’è un motivo particolare?No, il motivo è che la gente mi ha sempre chiesto perché non la facessi. “Pablo” è un pezzo che poteva proprio essere fatto con l’orchestra, ha una certa solennità. Io l’ho provato, ci sono dei punti in cui vai in alto, che quando hai l’orchestra dietro hai un risultato lirico importante. Con la band…. l’ho fatta una sera alla Garbatella…funziona ancora. Se la fai voce e band può funzionare, anche meglio con una grande orchestra. È sempre stato percepito come un pezzo politico? mmmm no! Io non ho mai scritto pezzi politici. È ispirato alla lettura dei “Malavoglia”. Non è per questo che non la faccio da parecchio tempo e non è che la faccio perché sono improvvisamente diventato rivoluzionario… è musica“.

TAOMUSICA 2019 // GLI ALTRI EVENTI IN RASSEGNA

Caetano Veloso – 13 luglio // unico concerto in Sicilia

Massimo Ranieri – 1 agosto

Fiorella Mannoia – 17 agosto

Antonello Venditti – 27 agosto

Levante – 1 settembre, unico concerto in Sicilia