Reggio Calabria: “la tassa sui rifiuti va ridotta del 50%, Falcomatà pensa solo a far cassa…”

Reggio Calabria, la nota di Nicola Foti esponente e membro del direttivo  del circolo “Eracle” Fratelli d’Italia

“Come tutti ben sappiamo la Tari, ovvero la famosa tassa sui rifiuti, deve essere categoricamente pagata ogni anno da chiunque possieda, detenga o occupi a qualsiasi titolo aree o locali che possano produrre rifiuti urbani e loro assimilati. Bisogna riconoscere, che l’attuale sistema cosi come è strutturato sfavorisce le famiglie con i redditi più bassi, e oltre ciò, non incentiva un utilizzo più responsabile delle risorse ambientali”. Lo afferma in una nota Nicola Foti esponente e membro del direttivo  del circolo “Eracle” Fratelli d’Italia di Reggio Calabria.

Noi di Fratelli d’Italia crediamo che sia giusto oltre che doveroso nei confronti di una platea altamente sofferente come quella del Popolo Reggino, andare a modificare le funzioni che determinano il gioco, eliminando definitivamente gli attuali parametri su cui viene calcolata l’attuale tassazione, attraverso una riduzione del 50% della specifica tassa.  La riduzione della tassa che per legge non può andare oltre determinati parametri, spetta per il solo fatto che il servizio di raccolta, non venga poi concretamente svolto. Tutto ciò, entra in grave contrasto all’ordinanza n. 22531/2017. Stabilita dalla sezione tributaria civile della Cassazione.

“Nicola Foti con questa nota stampa, ci tiene a precisare ai suoi amati concittadini, che per beneficiare della riduzione della Tari bisogna presentare apposita dichiarazione al Comune, nei termini previsti dalla legge”.


Valuta questo articolo

Rating: 4.0/5. From 6 votes.
Please wait...