fbpx

A Reggio Calabria la giornata dello sport “Per un calcio senza barriere”

Reggio Calabria: la giornata dello sport “Per un calcio senza barriere” nasce dall’unione delle idee di alcune associazioni cittadine che operano nel sociale come l’associazione “Retesociale” e l’associazione “Centro famiglie- la collina degli angeli”

La giornata dello sport “Per un calcio senza barriere” nasce dall’unione delle idee di alcune associazioni cittadine di Reggio Calabria che operano nel sociale come l’associazione “Retesociale” e l’associazione “Centro famiglie- la collina degli angeli”, che in sinergia e armonia si sono trovati d’accordo nell’organizzare una giornata nel periodo Maggio-Giugno in cui i bambini e lo sport siano protagonisti e mezzi/modelli di integrazione e speranza verso un territorio, più in generale quello reggino tutto, ma in particolare che riguardasse e ricoprisse/riscoprisse le periferie. L’idea si è ulteriormente sviluppata e arricchita grazie al supporto di altre associazioni che hanno sostenuto il tutto, ma in particolare l’organizzazione del Memorial “Mario Galletta”. Quest’ultimo quest’anno ricorre alla sua nona edizione e dopo un confronto e un dialogo costruttivo e propositivo ne è scaturita la necessità come simbolo di Unione e collaborazione quello di far rientrare entrambe le idee in un unico momento di sport, solidarietà e integrazione; un’unica giornata di sport dove l’ambito calcistico e sportivo vedrà protagonisti i bambini di tutte le scuole calcio di Reggio Calabria e sarà coordinato dallo staff storico del Memorial (vedi dettagli in seguito), mentre le attività ed esibizioni, compresi momenti di premiazioni e spettacoli dalle due associazioni prima citate. Il tutto si è stabilito che avvenga durante la mattinata di domenica 16 Giugno, una domenica, presso lo Stadio di GALLICO Sup. “L.Lo Presti”,  dove si alterneranno a partite anche, come già ribadito, esibizioni di scuole di ballo, ritmica, animazioni di vario genere, premiazioni e testimonianze di personalità che operano nell’ambito dello sport e del sociale da anni a Reggio e che grazie al loro contributo incarnano i valori intrinsechi nella giornata.

Gli organizzatori tutti sperano a loro volta di incarnare i sani principi dello sport e di trasmetterli attraverso quest’iniziativa ai partecipanti e ai presenti, affinché si diffonda una nuova immagine e una nuova cultura del fare e dell’osare, mettendosi in gioco per il proprio territorio, nessuno escluso, al motto de l’Unisi si Vince.

La scelta dei bambini e della location sono decisioni funzionali al progetto, nel conseguire il fine di presentare l’immagine del vero sport e del germoglio di speranza attraverso i più piccoli, i cittadini di domani e di ripartire da e attraverso le periferie, mostrando il lato bello intrinseco in ognuno di noi e la volontà di rendere tutti protagonisti nel percorso collettivo di crescita come cittadinanza.

L’organizzazione tutta auspica che l’iniziativa sia un trampolino di lancio per il territorio ma anche il preludio di altre importanti collaborazioni tra le associazioni coinvolte o che venga presa come modello da altre, affinché nasca una nuova concezione oltre che del fare anche del COLLABORARE INSIEME.

“Un calcio senza le barriere” vuole mostrare tutto ciò che brevemente si è esposto precedentemente, in particolare come uno sport come il calcio, ma LO SPORT in generale tutto, sia un mezzo necessario e indispensabile, soprattutto fra i più giovani, nell’abbattere pregiudizi e preconcetti e plasmare la generazione del domani su valori sani e puliti. Pregiudizi e preconcetti che rappresentano infatti barriere per la crescita e lo sviluppo di un uomo e di un territorio e non si limitano solo ad essere di natura razziale o xenofoba, ma si estendono anche nel semplice distinguere il CENTRO dalla PERIFERIA.

  • IX° TORNEO MEMORIAL “MARIO GALLETTA”

Come precedentemente accennato il fulcro della giornata sarà il Memorial “Mario Galletta”, che curerà la sezione calcistica dell’evento e che durante la mattinata di giorno 16 Giugno presso lo stadio di Gallico Sup. “L.Lo Presti” (RC)  raggiungerà la sua nona edizione.

L’organizzazione e lo staff tecnico storico presieduto dal Mister Enzo Martino ha accolto con grande piacere lo spirito delle associazioni “Retesociale” e “Centro famiglie- la collina degli angeli” e da lì è nata una proficua collaborazione che vede il calcio e i valori incarnati da questo e dall’ormai estinto e compianto Dott. Mario Galletta gli anelli di congiunzione per la realizzazione dell’opera.

RICORDO DI MARIO GALLETTA E DI SANDRO MARIA VELARDI

Perché ci ostiniamo ad organizzare ogni anno questo Torneo?

L’obiettivo che vogliamo raggiungere con questo torneo è sintetizzato nelle parole del compianto Sandro Maria Velardi, già Primo Dirigente della Procura Generale di Reggio Calabria, e uomo di sani principi e di cultura immensa, che in occasione del terzo Memorial – Sport è Cultura – “Mario Galletta” così si espresse:

“Il Calcio come sport di squadra rappresenta una risorsa culturale importante per tutta la società civile. Le Scuole Calcio possono e devono essere momenti di crescita per il corpo e per la mente dei futuri cittadini dello Stato. Una giornata come questa che è un momento di aggregazione per fare gruppo, un momento di sana competizione mitigata dall’osservanza delle regole sportive e tecniche, una giornata di Sport, insomma, è l’innesto nell’albero della Società di giovani virgulti sani fisicamente e forti moralmente. Grazie all’impegno di Educatori Sportivi, dei giovani calciatori e della splendida “cornice” del pubblico e delle famiglie diamo speranza e credibilità per il futuro di tutti!”

Allo stesso modo grazie ancora alle parole di Sandro Maria Velardi possiamo sintetizzare chi fosse Mario Galletta: “per farlo non si saprebbe da dove iniziare; persona disponibile e divertente, marito e padre meraviglioso, medico competente- umano e professionale, politico integerrimo, ops dimenticavo tifosissimo della sua unica squadra del cuore: la Reggina. Lui è stato tutto questo, una grand’uomo con dei valori immensi ed un cuore grande. La sua famiglia, punto di riferimento importante, a cui si è dedicato, come marito prima, padre e nonno, ahimè per poco tempo, dopo, con amore, proteggendo ed educando i propri familiari al rispetto delle regole e del vivere civile. Ripeteva sempre: “ricordate! l’etica e la moralità devono essere sempre messi al primo posto e dovranno contraddistinguere il vostro cammino di gente umile, preparata e, soprattutto, onesta”.   Per più di cinquant’anni ha svolto con abnegazione e competenza la professione di medico curante, dapprima a Grotteria, per qualche anno, e poi per una vita a Gallina, Reggio e dintorni, punto di riferimento di tutti gli abitanti della zona non soltanto per l’aspetto medico ma anche per quello amicale. Per vent’anni circa ha svolto politica attiva ricoprendo le cariche di assessore provinciale alla caccia e pesca, assessore ai lavori pubblici ed infine di Presidente della Provincia. In questi incarichi si è sempre contraddistinto per dedizione, umanità, senso del dovere ed onestà.   Infine La Reggina il suo grande amore, la moglie non ce ne vorrà. Ha seguito la sua squadra del cuore in tutti i campi polverosi e non d’Italia (da Pagani a Nocera, passando per Marsala e Ragusa) per più di cinquant’anni. Ha visto calcare l’erba dello stadio Comunale “Oreste Granillo” a giocatori come Persico, Mupo, Barbetta, per continuare con Pianca, Tivelli e Labellarte e finire con l’epoca vincente di Mazzarri. Una passione unica, rara che ha trasmesso anche ai suoi figli, diventati, come lui, tifosissimi dell’amata Reggina.  Non soltanto tifoso ma anche artefice, insieme agli imprenditori dell’epoca, del salvataggio della Reggina dal fallimento quando, negli anni 80 contribuì, nel suo ruolo di Presidente della Provincia, a farla rinascere.”

  • ORGANIZZAZIONE DEL TORNEO

Premesso che lo scopo di questa “giornata-torneo” è di dare un messaggio di aggregazione nello spirito educativo dei valori che lo sport vuole trasmettere in modo più pregnante nelle fasce di età qui rappresentate.

In tale occasione è volontà dell’organizzazione del torneo non indicare, a fine gara, nessuna classifica che la competizione determina nel suo evolversi.

È invece intenzione precisa di premiare senza discriminazioni la volontà aggregativa e il valore dello “stare insieme divertendosi.”

A puro titolo indicativo le gare si svolgeranno come di seguito elencate:

CAT. PICCOLI AMICI 2012-2013 (partite da min. 10, con 5 calciatori per squadra + portiere)

CAT. PICCOLI AMICI 2010-2011 (partite da min. 10, con 5 calciatori per squadra + portiere)

CAT. PULCINI 2008-2009 (partite da min. 15, con 6 calciatori per squadra + portiere)

CAT. ESORDIENTI 2006-2007 (partite da min. 20, con 8 calciatori per squadra + portiere)

ORARI: Cat. P.A. e Pulcini dalle ore 9.00 con premiazione nel pomeriggio.

Cat. Esordienti dalle ore 15.00 con premiazione alla fine delle gare.

Per la categoria Piccoli Amici (2006-2007/2004-2005) il numero dei calciatori in distinta è di 12, per la categoria pulcini di 14, per la categoria esordienti è di 18. I cambi sono liberi, per la classifica finale cat. Pulcini ed esordienti si adotterà il sistema girone all’italiana: tutti contro tutti.

Le distinte di gara, categoria pulcini ed esordienti, devono essere consegnate prima dell’inizio del torneo al responsabile Sig. Martino.

La quota di iscrizione al torneo è GRATUITA!

  • ALTRI EVENTI IN PROGRAMMA IN MATTINATA

La giornata infatti sarà una giornata di festa per la città e la cittadinanza tutta, mostrando tutto ciò che di bello risiede al proprio interno. All’interno della mattinata ci sarà anche l’esibizione di una importante scuola di ballo locale, l’ASD REVOLUTION BALLET.

La manifestazione è stata patrocinata dal CONI CALABRIA.

Durante le premiazioni, oltre ai giusti riconoscimenti ai vincitori del Memorial, ci saranno premiazioni a tema ad ospiti speciali locali e nazionali, che durante le loro attività abbiano profuso i valori espressi dall’iniziativa e possano essere presi da modello per la cittadinanza tutta e i ragazzi.

In particolare nell’ambito sportivo-calcistico, si premieranno oltre che le istituzioni locali, dirigenti e uomini che riprendano l’immagine del compianto Dott. Mario Galletta, ovvero uomini dediti alla città e al suo bene, attraverso lo sport e il sociale, tra cui ci sarà una bella sorpresa di un calciatore che viene direttamente dai campi di serie A.

Si prospetta una mattinata in cui si vuole coinvolgere tutte le emittenti e i mezzi d’informazione e stampa del luogo, affinché si possa riscontrare la massima adesione e partecipazione dei cittadini e la divulgazione massima dei valori espressi dall’iniziativa.

La mattinata tutta inoltre sarà animata da comici e animatori locali e sarà data disposizione affinché il bar adiacente nella struttura dello stadio possa essere aperto affinché ci sia un’area di ristoro per gli ospiti e i partecipanti.

  • FINALITA’ E OBIETTIVI

-Valorizzare l’esperienza del fanciullo;

-Valorizzare il territorio e le periferie, mostrando una nuova immagine di ripresa e rinascita partendo dai più giovani e da un quartiere periferico, noto per fatti di cronaca, ma che nutre dentro di sé profonde ricchezze umane e storiche da rivelare e scoprire;

-Prendere coscienza delle potenzialità intrinseche nel territorio e riscoprire vicinanza delle istituzioni con le periferie;

-Promuovere nei più piccoli il rispetto del prossimo e del territorio;

– Promuovere l’abbattimento di pregiudizi e barriere di ogni modo attraverso lo sport;

-Promuovere l’impegno attivo e collettivo negli ambiti socio-culturali, affinché si promuovano uno spirito collaborativo e propositivo, spinti solo da una voglia di mettersi in gioco con e per l’altro;

-Promuovere una logica del fare e dell’osare attraverso la cultura dei sogni, ovvero di non smettere di cullare aspirazioni, passioni e obiettivi, come gli stessi bambini, con immaginazione e fantasia, molte volte ci spingono a fare;

-Ritornare e riempire le piazze e le strade della città di uno spirito di speranza e di gioco, trasmettendo la voglia di sorridere anche nelle periferie e valorizzando l’importanza dello sport come mezzo di crescita formativa del fanciullo.

-Promuovere il fair-play, il rispetto delle strutture e dell’avversario e una competizione leale e sportiva;

-Rendere tutti protagonisti e nessuno escluso.

Gli organizzatori attendono i cittadini Domenica 16 Giugno presso Stadio “L.Lo Presti” Gallico Sup.”