fbpx

Reggio Calabria, l’emergenza rifiuti degenera con il primo caldo: città soffocata dalla spazzatura, allarme igienico [FOTO]

  • Foto StrettoWeb / Salvatore Dato
    Foto StrettoWeb / Salvatore Dato
  • Foto StrettoWeb / Salvatore Dato
    Foto StrettoWeb / Salvatore Dato
  • Foto StrettoWeb / Salvatore Dato
    Foto StrettoWeb / Salvatore Dato
  • Foto StrettoWeb / Salvatore Dato
    Foto StrettoWeb / Salvatore Dato
  • Foto StrettoWeb / Salvatore Dato
    Foto StrettoWeb / Salvatore Dato
  • Foto StrettoWeb / Salvatore Dato
    Foto StrettoWeb / Salvatore Dato
  • Foto StrettoWeb / Salvatore Dato
    Foto StrettoWeb / Salvatore Dato
  • Foto StrettoWeb / Salvatore Dato
    Foto StrettoWeb / Salvatore Dato
  • Foto StrettoWeb / Salvatore Dato
    Foto StrettoWeb / Salvatore Dato
  • Foto StrettoWeb / Salvatore Dato
    Foto StrettoWeb / Salvatore Dato
  • Foto StrettoWeb / Salvatore Dato
    Foto StrettoWeb / Salvatore Dato
  • Foto StrettoWeb / Salvatore Dato
    Foto StrettoWeb / Salvatore Dato
  • Foto StrettoWeb / Salvatore Dato
    Foto StrettoWeb / Salvatore Dato
  • Foto StrettoWeb / Salvatore Dato
    Foto StrettoWeb / Salvatore Dato
  • Foto StrettoWeb / Salvatore Dato
    Foto StrettoWeb / Salvatore Dato
  • Foto StrettoWeb / Salvatore Dato
    Foto StrettoWeb / Salvatore Dato
  • Foto StrettoWeb / Salvatore Dato
    Foto StrettoWeb / Salvatore Dato
/

Reggio Calabria: il flop della raccolta porta a porta soffoca la città, strade invase dai rifiuti

Il primo caldo è arrivato all’improvviso a Reggio Calabria e l’emergenza rifiuti sta subito degenerando in una vera e propria criticità igienico e sanitaria: la città è letteralmente soffocata da cumuli di spazzatura in tutti i quartieri, in molti casi in ogni portone. La raccolta porta a porta non funziona e in ogni abitazione si trovano cumuli di rifiuti sui mastelli. Inoltre numerose discariche nate dalla disperazione di chi è costretto a vedere montagne di spazzatura crescere sotto il proprio balcone, si moltiplicano in ogni strada di ogni quartiere. La situazione è molto pesante, come possiamo osservare nelle immagini a corredo dell’articolo.