fbpx

Reggio Calabria: concluso l’anno scolastico alla scuola primaria “De Amicis”[FOTO]

/

Reggio Calabria: con lo slogan propositivo “Adotta un albero” si è concluso l’anno scolastico 2018/19 alla scuola primaria “De Amicis”

Con lo slogan propositivo “Adotta un albero” si è concluso l’anno scolastico 2018/19 alla scuola primaria “De Amicis”. Stipulato un patto di amicizia tra “Studenti e Natura” contro la desertificazione, attraverso un’attività di educazione ambientale e alla sostenibilità, che ha coinvolto gli alunni della classe II A, con la collaborazione della classe II E della scuola primaria “De Amicis”. I “piccoli giardinieri” coordinati da Carmelo Stelitano, vivaista della Ditta dei vivai “Il Giardiniere” S.a.s. hanno interrato nelle aiuole, presenti nel cortile della loro scuola, alberi di kumquat, cespugli di poligola ed alberi di mandarino della specie citrus japonica, da lui donati “ quest’ulima varietà comprende alberi da frutto commestibili, decorativi e molto delicati, pertanto adatti ai bambini” sottolinea Stelitano e piante fiorite della specie impatiens, gerbere, dahlie, dimorfoteche, e rose dell’Etna, omaggiate, invece, agli scolari dalla moglie Stefania Gangeri “come gesto simbolico, di generosità e sensibilità”. Con “Adotta un albero” è partito così dalla classe II A della scuola “De Amicis” un appello ambientalista per richiedere e promuovere, non solo una “Reggio più verde” ma soprattutto “un’onda verde” che dia vita ad un Pianeta di “serie A” per qualità della vita, salvaguardia del clima, respirabilità dell’aria e purezza dell’acqua. “E’ nato nei cuori dei piccoli alunni un intento comune, un forte desiderio di comunità operante per cooperare, tangibilmente al loro futuro, consapevoli che i bambini, diventeranno gli uomini di domani” ha rimarcato Giuseppe Romeo, dirigente dell’Istituto Comprensivo “De Amicis-Bolani”.

Così come tali alberi, piante e fori, cresceranno con il supporto di tutti, come le specie arboree sono divenute “regalo d’amore” per la Terra”, come essi hanno rappresentato un simbolo di rinascita del nostro pianeta, come sono diventati tipicizzazione della scuola “De Amicis” e di tutto il territorio e come tali i “piccoli giardinieri ecologisti” hanno contribuito a salvare la terra e ad esaltare la calabresità, così, ha ribadito Gabriella Magotti, vicaria del “De Amicis” gli alunni “stanno chiedendo di occuparsi del loro futuro, offrendo strumenti efficaci di riscatto del Pianeta”. Loro stessi, ha ravvisato il preside Romeo “stanno facendo partire, proprio dal loro piccolo gesto simbolico, un movimento globale, un progetto duraturo per un futuro sostenibile, prima che si comprometta irreversibilmente il futuro” degli stessi figli della Terra. I “piccoli ecologisti” del De Amicis, sono stati accompagnati per mano nel loro intento, dalle insegnanti Chirico Stefania, Scaramozzino Mariangela, Morabito Enza, Piperno Silvana, Calabrò Vittoria, Nasone Carmela, Grasso Cinzia, Surace Michela, Scrufari Anna e Cannizzaro Anna ed hanno lanciato, pertanto un appello, partito proprio da loro bambini e rivolto, ai “giovanissimi, che hanno mostrato di avere una visione più lucida degli adulti e li sollecitano a fare”. Al pari dell’ecologista Greta Thunberg, loro stessi, con in braccio i loro alberi, le loro piante ed i loro fiori, con il loro slogan “Adotta un albero” e soprattutto con il loro gesto di sensibilizzazione, sono “scesi in piazza” ed hanno mostrato “la credibilità e le competenze” per far crescere “l’onda verde” perché diventi, un progetto ecologista e civico, un patrimonio di tutti ed un’azione concreta e condivisa per la salvaguardia di tutto il Pianeta. “Solo così una società potrà diventare vivibile, vera, giusta ed aperta”.