fbpx

Motta San Giovanni, criticità nella raccolta differenziata dei rifiuti

Motta San Giovanni: il sindaco Giovanni Verduci e l’assessore all’Ambiente Domenico Infortuna, insieme agli amministratori degli altri comuni interessati dalla stessa problematica, hanno deciso di chiedere un incontro urgente al prefetto di Reggio Calabria al fine di scongiurare quella che si sta delineando come una vera emergenza ambientale

In riferimento alla mancata raccolta dei rifiuti, il sindaco Giovanni Verduci e l’assessore all’Ambiente Domenico Infortuna, insieme agli amministratori degli altri comuni interessati dalla stessa problematica, hanno deciso di chiedere un incontro urgente al prefetto di Reggio Calabria al fine di scongiurare quella che si sta delineando come una vera emergenza ambientale. Ad essere in crisi è l’intero sistema rifiuti della Calabria. L’impianto di Sambatello, a causa dell’impossibilità di trasferire grandi quantitativi di scarti di lavorazione presso la discarica di Crotone, accetta in entrata solo 140 tonnellate di rifiuti al giorno. Nello stesso tempo la città di Reggio Calabria, al fine di eliminare le giacenze accumulate sul proprio territorio, ha chiesto e ottenuto dalla Regione Calabria di avere garantito un conferimento giornaliero di 100 tonnellate. Tutto questo, ovviamente, ha messo in crisi il sistema perché tutti gli altri comuni insieme possono conferire solo 40 tonnellate al giorno presso Sambatello, il dato appare ancora più paradossale in considerazione del fatto che al comune di Motta San Giovanni, per esempio, viene riconosciuta una quota pari a 20 tonnellate. Sorprende e non poco la disposizione della Regione Calabria a favore del comune di Reggio Calabria. Se da una parte può alleggerire la situazione di criticità del capoluogo, dall’altra condiziona negativamente i piccoli centri. La Locride Ambiente ha comunicato che venerdì 21 giugno recupererà la frazione organica. Gli uffici comunali, sentiti anche i funzionari regionali, stanno valutando la possibilità di far recuperare i rifiuti indifferenziati sabato 22 giugno.