fbpx

Messina, l’ultima protesta di De Luca: sindaco chiude Palazzo dei Leoni e si barrica all’interno

Il Sindaco metropolitano di Messina Cateno De Luca chiude Palazzo dei Leoni e si barrica all’interno, farà lo sciopero della fame: la decisione è determinata dall’isufficienza dei fondi destinati alle ex Province siciliane

Il sindaco metropolitano di Messina in protesta. Alle ore 11.30, nella Presidenza della Città Metropolitana di Messina, De Luca annuncerà la chiusura di Palazzo dei Leoni e, contemporaneamente, si barricherà all’interno della sede istituzionale.

Il Sindaco della Città Metropolitana di Messina, Cateno De Luca, con un atto di protesta ha deciso di chiudere la sede Istituzionale, barricarsi al suo interno e cominciare lo sciopero della fame ad oltranza, nell’attesa di evoluzioni che diano concrete risposte al problema del rischio dissesto per le ex Province. Dopo la conferenza a Palazzo dei Leoni, il Primo cittadino comincerà lo sciopero della fame. La decisione del Sindaco metropolitano Cateno De Luca è stata determinata dall’insufficienza delle somme stanziate per le ex Province siciliane, insufficienti a salvare i nove Enti di area vasta dell’isola. Ciò emerge dalla discussione, in atto in queste ore in Commissione Bilancio della Camera dei Deputati, dove è stata prevista la somma di 140 milioni su FSC a fronte dei 350 milioni necessari ad evitare il dissesto finanziario delle ex Province siciliane.

Notizie sempre aggiornate da Calabria e Sicilia, focus su Messina e Reggio Calabria con l’APP di StrettoWeb per iPhone e iPad: click qui per scaricarla dall’App Store

Notizie sempre aggiornate da Calabria e Sicilia, focus su Messina e Reggio Calabria con l’APP di StrettoWeb per tutti i dispositivi Android: click qui per scaricarla da Google Play