fbpx

La Fratres Spadafora festeggia la giornata mondiale della donazione

/

Una serata ricca di emozioni quella trascorsa ieri dall’Associazione Fratres Donatori Sangue di Spadafora. Una cena sociale per festeggiare la giornata mondiale della donazione sangue e soprattutto per condividere quanto fatto in questo ultimo anno. Questa ricorrenza, in realtà cade esattamente il 14 giugno, la Fratres Spadafora, per motivi logistici ha slittato di qualche giorno l’evento, che ha ugualmente avuto uno straordinario successo.

Un centinaio tra donatori e non, hanno preso parte ad una bellissima serata, denominata “Battiti di cuore 4”. Il conduttore della serata Remigare Giovanni, ha dato la parola a diversi ospiti per far conoscere nei dettagli il lavoro straordinario dell’Associazione e quanto importante sia l’aiuto che può dare ogni singolo donatore.

Dopo un’apertura di presentazione ha preso la parola il Presidente Remigare Arturo, il quale ha messo in risalto l’importanza della solidarietà verso il prossimo, della donazione sangue soprattutto nei periodi estivi. Il Presidente ha elogiato il lavoro di ogni componente dello staff Fratres, rimarcando in particolar modo l’operato del gruppo Giovani Fratres. Remigare ha voluto, inoltre, ringraziare il Sindaco di Spadafora, la Dottoressa Tania Venuto, per la concessione della sede operativa dell’associazione.

Proprio la prima cittadina del comune di Spadafora, ha preso la parola pochi minuti dopo. Parole emozionate e piene d’orgoglio verso un’associazione, la Fratres Spadafora, che è tra i fiori all’occhiello della Sicilia intera in ambito di solidarietà e più precisamente della donazione sangue.

A seguire è stata invitata a parlare la dottoressa Vincenza Blunda, da sempre in prima linea per far conoscere l’importanza di donare sangue e di aiutare chi è più bisognoso. Anche il vice Presidente Pietro Nicosia ha detto la sua in merito per poi parlare del nuovo Statuto dell’Associazione, statuto che è stato approvato all’unanimità dall’assemblea.

Pinuccio Nomefermo, referente responsabile dei Giovani Fratres, ha esaltato il lavoro del gruppo, un lavoro fatto di sacrifici, di tempo trascorso ad organizzare tutti gli eventi nei minimi dettagli. Un tempo dedicato alla conoscenza della cultura della donazione sangue.

Anche il Professore Franco Alacqua, penna storica della Gazzetta del Sud, ha voluto dire la sua sulla serata, ma soprattutto sulla straordinaria missione che la Fratres Spadafora porta avanti da 13 anni. Il collega ha messo in evidenza l’importanza che hanno  i mezzi di informazione nel divulgare tutto quanto possa essere utile per avvicinare più gente possibile al mondo della solidarietà e nella fattispecie della donazione sangue.

Durante la serata l’assessore Maria Ialacqua ha premiato, con spillette d’oro, d’argento e di bronzo i donatori che hanno raggiunto un determinato numero di donazione sangue, infine il taglio della torta e le consuete foto di rito.