fbpx

I giovani atleti krotoniati sugli scudi al 3° Meeting di Atletica Leggera di Cosenza [FOTO]

/

La Scuola Atletica Krotoniate ha partecipato sabato 29 giugno 2019 nella città di Cosenza al 3° Meeting di Atletica Leggera, mettendo in mostra i suoi giovani atleti

La Scuola Atletica Krotoniate ha partecipato sabato 29 giugno 2019 nella città di Cosenza al 3° Meeting di Atletica Leggera, mettendo in mostra i suoi giovani atleti. La delegazione krotoniate, composta da Cecilia Trocino, Ibrahim Maktoum, Tobia Forte, Emmanuel Zizza, Salvatore Lerose e Paolo Lettieri, ha raggiunto ottimi risultati. Nell’importante e ben organizzato evento sportivo, oltre alle principali società calabresi, sono giunti dalla Grecia un folto gruppo di giovani atleti della Akritas Athletes Hellas, che hanno impreziosito la giornata alzando di molto il livello della competizione. I krotoniati hanno portato alto il nome di Crotone tornando a casa con medaglie e soprattutto felici per aver partecipato a questa ulteriore prova, con spirito sportivo e in primis con l’obiettivo di divertirsi tutti insieme nel nome dell’atletismo. In particolare al meeting di Cosenza spicca il nuovo primato personale della velocista krotoniate Cecilia Trocino, che migliora il suo record personale sulla distanza dei 200 metri, con il crono di 26.8 secondi, che le vale il più alto gradino del podio. Altro straordinario risultato lo ottiene nel salto in alto Tobia Forte, che con 1.37 metri è medaglia d’oro. Lo stesso Tobia ottiene anche un terzo posto nella corsa sprint di 60m. L’Allievo Ibrahim Maktoum, ancora non al meglio della condizione, è invece bronzo sui 1500 metri. Nello stesso fine settimana una delegazione della squadra master, capitanata da Raffaele Liotine, è stata impegnata nella 17^ edizione della Stranotturna di Catanzaro. Procede quindi spedita l’attività agonistica della Scuola Atletica Krotoniate, permettendo a giovani e meno giovani di approcciarsi seriamente alla regina degli sport, quella atletica leggera che ha in Crotone un nome scolpito indelebile nella storia dell’atletismo.