fbpx

Ex provincia a un passo dal fallimento, Ora Messina: “La Regione tuteli i lavoratori”

I consiglieri di Ora Messina, La Fauci e Pagano: “Stallo insopportabile, si proceda alla composizione del consiglio provinciale”

“Un insopportabile stallo. La questione riguardante il destino delle ex province è uno degli aspetti peggiori della gestione politica siciliana. La riforma, nata sotto il governo Crocetta – attaccano i consiglieri di Ora Messina La Fauci e Pagano-, rappresenta un pasticcio capace di scontentare tutti. In attesa che Regione e governo nazionale si chiariscano le idee, infatti, rimangono bloccati tutti i lavori sotto l’egida dell’ente: svariati lavori pubblici sono rimasti al palo, gli esempi più evidenti riguardano le strade provinciali diventate sempre più mulattiere e senza una data decisa per il ripristino. La protesta simbolica del sindaco De Luca è, sicuramente, altisonante ma non immotivata dal punto di vista politico e amministrativo. Dalla Regione attendiamo tempistiche concrete, appesi alle decisioni che il governo di Roma sembra rimandare continuamente. Quotidianamente – ricorda La Fauci – assistiamo alla protesta dei lavoratori della Provincia che attendono di comprendere che futuro verrà scritto. Non solo, quindi, una mera questione amministrativa dato che di famiglie rimaste nel limbo se ne contano diverse. La Regione deve trovare soluzioni concrete, le somme paventate al momento non sembrano garantire alcuna stabilità. L’impasse istituzionale dura ormai da troppi anni – attacca Pagano -, da quando il governatore Crocetta decise di cancellare il voto popolare sciogliendo presidenza e consiglio provinciale. Da quel momento nulla è più accaduto, solo una sopravvivenza senza risoluzioni. Già l’elezione del sindaco metropolitano è stata rallentata e complicata, nel frattempo non è ancora prevista quella per la formazione del consiglio provinciale; nessuna mossa politica è stata davvero portata avanti. La questione province deve, dunque, divenire di grande interesse per una Regione pronta a dare risposte concrete. Si attende di conoscere la cifra che verrà stanziata, e di capire se le parole del sindaco De Luca saranno profetiche sul possibile fallimento. È triste – concludono i consiglieri di Ora Messina – dover assistere a gesti eclatanti, per attirare l’attenzione mediatica e politica, come quello messo in atto dal sindaco. La questione province doveva essere risolta tempo fa, cancellando il pastrocchio del governo Crocetta e scegliendo una linea politico-economica chiara e semplice. Ci rivolgiamo direttamente al presidente Musumeci perché intervenga con una soluzione netta, stesso appello lo facciamo ai deputati messinesi e della provincia perché non attendino decisioni altrui, occorrono gesti concreti e immediati. Adesso andremo incontro a soluzioni tampone, il solito pasticcio all’italiana mentre tante famiglie restano in attesa e il territorio vede rinviati i necessari interventi migliorativi”.