fbpx

Bomba day a Messina, l’ordigno è stato fatto brillare: ecco FOTO e VIDEO dell’esplosione

  • Foto di Alessio Villari
    Foto di Alessio Villari
  • Foto di Alessio Villari
    Foto di Alessio Villari
  • Foto di Alessio Villari
    Foto di Alessio Villari
  • Foto di Alessio Villari
    Foto di Alessio Villari
  • Foto di Alessio Villari
    Foto di Alessio Villari
  • Foto di Alessio Villari
    Foto di Alessio Villari
  • Foto di Alessio Villari
    Foto di Alessio Villari
  • Foto di Alessio Villari
    Foto di Alessio Villari
  • Foto di Alessio Villari
    Foto di Alessio Villari
  • Foto di Alessio Villari
    Foto di Alessio Villari
  • Foto di Alessio Villari
    Foto di Alessio Villari
  • Foto di Alessio Villari
    Foto di Alessio Villari
  • Foto di Alessio Villari
    Foto di Alessio Villari
  • Foto di Alessio Villari
    Foto di Alessio Villari
  • Foto di Alessio Villari
    Foto di Alessio Villari
  • Foto di Alessio Villari
    Foto di Alessio Villari
  • Foto di Alessio Villari
    Foto di Alessio Villari
  • Foto di Alessio Villari
    Foto di Alessio Villari
  • Foto di Alessio Villari
    Foto di Alessio Villari
  • Foto di Alessio Villari
    Foto di Alessio Villari
  • Foto di Alessio Villari
    Foto di Alessio Villari
  • Foto di Alessio Villari
    Foto di Alessio Villari
  • Foto di Alessio Villari
    Foto di Alessio Villari
  • Foto di Alessio Villari
    Foto di Alessio Villari
  • Foto di Alessio Villari
    Foto di Alessio Villari
  • Foto di Alessio Villari
    Foto di Alessio Villari
  • Foto di Alessio Villari
    Foto di Alessio Villari
  • Foto di Alessio Villari
    Foto di Alessio Villari
  • Foto di Alessio Villari
    Foto di Alessio Villari
  • Foto di Alessio Villari
    Foto di Alessio Villari
  • Foto di Alessio Villari
    Foto di Alessio Villari
  • Foto di Alessio Villari
    Foto di Alessio Villari
  • Foto di Alessio Villari
    Foto di Alessio Villari
  • Foto di Alessio Villari
    Foto di Alessio Villari
  • Foto di Alessio Villari
    Foto di Alessio Villari
  • Foto di Alessio Villari
    Foto di Alessio Villari
  • Foto di Alessio Villari
    Foto di Alessio Villari
  • Foto di Alessio Villari
    Foto di Alessio Villari
  • Foto di Alessio Villari
    Foto di Alessio Villari
  • Foto di Alessio Villari
    Foto di Alessio Villari
  • Foto di Alessio Villari
    Foto di Alessio Villari
  • Foto di Alessio Villari
    Foto di Alessio Villari
  • Foto di Alessio Villari
    Foto di Alessio Villari
  • Foto di Alessio Villari
    Foto di Alessio Villari
  • Foto di Alessio Villari
    Foto di Alessio Villari
  • Foto di Alessio Villari
    Foto di Alessio Villari
  • Foto di Alessio Villari
    Foto di Alessio Villari
  • Foto di Alessio Villari
    Foto di Alessio Villari
  • Foto di Alessio Villari
    Foto di Alessio Villari
/

Bomba day: conclusa la maxi operazione di protezione civile a Messina. La bomba è stata fatta brillare, ecco le immagini

Si è conclusa con successo la maxi operazione per il bomba day a Messina. In mattinata l’ordigno inglese, risalente alla seconda guerra mondiale, è stato despolettato e trasporto a Santo Stefano Briga per le operazioni di brillamento. 4000 in totale i messinese coinvolti nelle operazioni di protezione civile. La macchina dei soccorsi ha funzionato perfettamente ed esprime soddisfazione il sindaco di Messina, ringraziando S.E. il Prefetto, la Questura e tutte le forze dell’Ordine, lo staff di protezione civile comunale, i dipartimenti regionale e Comunale di protezione civile, la polizia municipale e metropolitana, i vigili del fuoco per aver coordinato la sicurezza nelle aree urbane interessate, garantendo tutti i servizi indispensabili per affrontare questi eventi:

“Esprimo soddisfazione per la pronta risposta offerta dai volontari delle Associazioni di Protezione Civile e della Croce Rossa che, ancora una volta, hanno dimostrato competenza e professionalità messe a servizio delle Forze dell’Ordine. La difficile situazione, che ha coinvolto circa 4000 persone, ha posto la necessità di assistere con i servizi sociali circa 150 persone con difficoltà motorie ed anziani. Per questo devo ringraziare il 118, l’ASP, il Collereale e Casa Serena, dove il personale della Messina Social City ha fornito le cure ed attenzioni agli assistiti, ATM per i trasporti e l’Istituto Sant’Antonio per la disponibilità. Anche il nostro Vicesindaco Salvatore Mondello e l’assessore alla Protezione Civile, Max Minutoli, hanno seguito con il nostro esperto ing. Rizzo le operazioni con attenzione supportando la Prefettura. Grazie alla professionalità del 4° Genio Guastatori di Palermo, che dalle ore 7,30 alle ore 14.00 hanno operato al disinnesco, trasporto e brillamento dell’ordigno.
La rete ha funzionato. Grazie di cuore a tutti!“- conclude De Luca.

A corredo dell’articolo le immagini dell’esplosione dell’ordigno a Santo Stefano Briga.

Ordigno bellico a Messina, le immagini dell’esplosione nella cava di Santo Stefano Briga [VIDEO]