fbpx

Ordigno bellico a Messina: riunione in Prefettura per il “bomba-day”

  • Foto di Alessio Villari
    Foto di Alessio Villari
  • Foto di Alessio Villari
    Foto di Alessio Villari
  • Foto di Alessio Villari
    Foto di Alessio Villari
  • Foto di Alessio Villari
    Foto di Alessio Villari
  • Foto di Alessio Villari
    Foto di Alessio Villari
  • Foto di Alessio Villari
    Foto di Alessio Villari
  • Foto di Alessio Villari
    Foto di Alessio Villari
  • Foto di Alessio Villari
    Foto di Alessio Villari
  • Foto di Alessio Villari
    Foto di Alessio Villari
  • Foto di Alessio Villari
    Foto di Alessio Villari
  • Foto di Alessio Villari
    Foto di Alessio Villari
  • Foto di Alessio Villari
    Foto di Alessio Villari
  • Foto di Alessio Villari
    Foto di Alessio Villari
  • Foto di Alessio Villari
    Foto di Alessio Villari
  • Foto di Alessio Villari
    Foto di Alessio Villari
  • Foto di Alessio Villari
    Foto di Alessio Villari
  • Foto di Alessio Villari
    Foto di Alessio Villari
/

Domani in Prefettura di Messina riunione operativa per una ricognizione delle attività di rimozione e brillamento dell’ordigno bellico rinvenuto in un cantiere in città

Pochi giorni al via della maxi operazione di rimozione e brillamento dell’ordigno rinvenuto in via Santa Cecilia a Messina. Domani, alle 11, presso la Sede della Prefettura di Messina si terrà una riunione operativa, alla presenza degli Enti e delle Istituzioni interessati, per una ricognizione delle attività in programma domenica.  L’ordigno rinvenuto è un GP MK IV di fabbricazione inglese risalente al secondo conflitto mondiale, contenente poco meno di 31 kg di tnt, con pistol di coda numero 28 armato. Le operazioni di disinnesco scatteranno domenica alle 5 del mattino. Durante il bomba-day saranno coinvolti circa 3000 cittadini e alla popolazione verrà richiesto di chiudere e/o staccare le utenze come acqua luce e gas, chiudere gli infissi e tenere al riparo gli animali d’affezione.