fbpx

Oggi è Venerdì 17: ecco perché è considerato un giorno sfortunato

Oggi è Venerdì 17: perché è considerato un giorno sfortunato? La causa sarebbe la congiunzione di due elementi negativi: il Venerdì Santo (ossia il giorno della morte di Gesù) e il numero 17

Questo venerdì di Maggio non è un giorno qualsiasi: è un Venerdì 17Per chi non crede alle superstizioni è un giorno come tutti gli altri, ma per chi è “credente” è un giorno in cui la sventura potrebbe essere dietro l’angolo. Perchè è considerata una giornata sfortunata? La causa sarebbe la congiunzione di due elementi negativi: il Venerdì Santo (ossia il giorno della morte di Gesù) e il numero 17. La superstizione affonderebbe le sue radici nella Grecia antica, dove il numero 17 era disprezzato dai seguaci di Pitagora in quanto era tra il 16 e il 18, perfetti nella loro rappresentazione di quadrilateri 4×4 e 3×6. Nella Genesi sarebbe scritto che il diluvio universale, che provocò morte e distruzione, ebbe inizio il 17 del secondo mese. Secondo la Cabala ebraica, il 17 è al contrario un numero propizio. A Napoli il 17 è sinonimo di disgrazia, mentre nel resto del mondo i numeri negativi sono altri: nei paesi anglosassoni il giorno sfortunato è venerdì 13.

Notizie sempre aggiornate da Calabria e Sicilia, focus su Messina e Reggio Calabria con l’APP di StrettoWeb per iPhone e iPad: click qui per scaricarla dall’App Store

Notizie sempre aggiornate da Calabria e Sicilia, focus su Messina e Reggio Calabria con l’APP di StrettoWeb per tutti i dispositivi Android: click qui per scaricarla da Google Play