Categoria: EDITORIALIMESSINANEWSSICILIA

Messina, al via la copertura delle vasche del depuratore di Mili: progetto da 3 milioni di euro [DETTAGLI]

Stamattina l’incontro operativo tra il sindaco di Messina e Amam: fondi Masterplan per il progetto di copertura delle vasche dell’impianto di Mili

Alla presenza del Sindaco di Messina, dell’amministratore unico AMAM e del Responsabile del Procedimento, Ing. Luigi Lamberto, è stato presentato oggi il progetto definitivo per il Revamping del Depuratore di Mili finanziato a valere del Masterplan della Città Metropolitana di Messina.

Il progetto, per un importo di 3 milioni di euro, prevede la copertura delle vasche di trattamento, al fine di convogliare tutte le emissioni odorigene verso i filtri di trattamento, eliminando di fatto ogni disturbo oggi presente, senza comprendere la previsione di trattamento del rifiuto derivante da raccolta differenziata.

Gli interventi

– Copertura delle vasche, chiusura degli ambienti e sistemi di aspirazione
– Nuovo impianto di areazione nelle vasche di areazione
– Adeguamento dell’impianto elettrico
– Adeguamento impianto antincendio
– Ripristino del calcestruzzo ammalorato

Rimodulando ad ottobre il Masterplan, come richiesto da AMAM SpA , il Comune di Messina ha inteso eliminare la previsione progettuale di trattare i rifiuti nel depuratore di Mili ed utilizzare le risorse comunitarie FSC esclusivamente per operare sulla qualità dell’area e sull’adeguamento tecnologico complessivo dell’impianto di Mili per renderlo perfettamente funzionale sotto tutti i punti di vista.

Il progetto definitivo sarà adesso sottoposto alla conferenza dei servizi per l’acquisizione di ogni utile parere finalizzato all’approvazione per poi procedere all’appalto integrato.

Si prevede che il progetto sarà appaltato entro il mese di settembre 2019, i lavori potrebbero quindi iniziare nel mese di febbraio 2020 ed avranno una durata massima di mesi 14. Un altro passo in avanti per rendere vivibile Messina è stato fatto, anche dal punto di vista della depurazione delle acque e quindi della vivibilità.