fbpx

Servizi Sociali a Messina: la Fiadel risponde all’appello dei lavoratori esclusi

Servizi sociali a Messina, la FIADEL fa chiarezza e raccoglie l’appello dei lavoratori esclusi

In merito all’esclusione illegittima delle sostituzioni storiche e degli ex operatori del pensionato Casa Serena, la FIADEL invita “a usare termini giuridici corretti e fa chiarezza una volta per tutte. Questi lavoratori non avrebbero avuto alcuna possibilità di transitare nei sette ambiti dei servizi finanziati con i fondi del bilancio comunale anche nel caso in cui il Comune avesse deciso di bandire le gare perché considerati esuberi. Infatti, dopo il transito diretto degli addetti aventi titolo secondo il numero e le qualifiche previste nel capitolato di appalto, vigeva la prassi di un sottoscrivere un accordo con le cooperative per obbligarle ad avvalersi per le sostituzioni del personale in esubero. È quindi evidente che questi lavoratori sarebbero stati ugualmente esclusi sia con un appalto che con il transito nell’Agenzia Messina Social City”.

“Caso diverso, invece, è quello degli ex di Casa Serena dichiarati esuberi durante l’amministrazione Accorinti e inseriti nei bandi della Legge 328 grazie a una mia richiesta avanzata a un funzionario comunale -sottolinea la dirigente sindacale della FIADEL Clara Crocè-Per questi lavoratori valgono i protocolli sottoscritti dai sindacati in passato”. A tutela della salvaguardia dei livelli occupazionali delle sostituzioni storiche e degli ex lavoratori di Casa Serena, la FIADEL ha presentato durante la riunione del 14 maggio scorso il documento Fonti normative di riferimento a supporto della costituzione dell’elenco riservato agli operatori storici con il quale, in applicazione alle delibere di approvate dalla Giunta e dal Consiglio Comunale, si chiede al Consiglio di Amministrazione della MSC  di procedere alla formulazione di una graduatoria e al transito diretto dei lavoratori.

Abbiamo condiviso l’appello del sindaco De Luca di presentare una piattaforma unitaria condivisa da tutti per stabilizzare i lavoratori -aggiunge Clara Crocè insieme a Gianluca Gangemi. La FIADEL mette a disposizione delle altre organizzazioni sindacali il documento già presentato per eventuali modifiche e integrazioni e le invita a una riunione intersindacale da tenersi entro sabato mattina”.