fbpx

Reggio Calabria, Pratticò (Fdi): “quanto accaduto ieri in Consiglio ha certificato il dissolversi della maggioranza”

Foto StrettoWeb / Salvatore Dato

Reggio Calabria, Pratticò (Fdi): “la maggioranza che sosteneva Falcomatà e la sua giunta, non esiste più. La certezza, la si ha avuta ieri, durante la votazione sul rendiconto del bilancio 2018”

“Si vociferava ormai da tempo, nei rumors della politica Reggina, ma ieri si è avuta la certificazione ufficiale. La maggioranza che sosteneva Falcomatà e la sua giunta, non esiste più. La certezza, la si ha avuta ieri, durante la votazione sul rendiconto del bilancio 2018, quando il numero legale per validare il documento di bilancio, lo si e’ avuto soltanto grazie al fatto che un consigliere di minoranza, diversamente da come hanno fatto i suoi colleghi di coalizione, ha partecipato alla votazione e, seppur votando in maniera contraria al documento presentato dall’ amministrazione, ha contribuito a rendere valida la votazione, salvando in questo modo, la giunta Falcomatà“, è quanto scrive in una nota Nino Pratticò di Fratelli d’Italia. “Politicamente -prosegue- il dato è inequivocabile, ovvero che il Sindaco non gode più della fiducia di quella maggioranza, scaturita dalle urne nell’ ottobre 2014. A dire il vero, i segnali premonitori di questo malcontento tra la maggioranza al Comune, erano stati più di uno, oltre al cambio di casacca di Emiliano Imbalzano, passato dai banchi del centrosinistra a quelli della Lega, fece molto clamore la conferenza stampa dei 3 consiglieri Delfino, Minniti e Ruvolo, i quali mostrarono al primo cittadino, tutto il ioro malcontento per un ‘ azione politico- amministrativa pressochè inesistente. Dopo quanto accaduto ieri, Falcomatà e la sua giunta, dovrebbero acquisire la consapevolezza, che la maggioranza che li sosteneva, ormai non esiste piu’ e se non sia il caso di fare un passo indietro, cosa che certamente sta aspettando la maggioranza dei reggini”, conclude.

Reggio Calabria, sul rendiconto Matalone salva Falcomatà: il Sindaco si scopre senza maggioranza alla vigilia delle elezioni Europee