fbpx

Reggio Calabria, annullata la confisca del “Cafè de Paris”

L’avvocato Gallo: “la Corte di appello di Reggio Calabria, dopo un lungo calvario giudiziario, abbia riconosciuto Vincenzo Alvaro come estraneo alle accuse che venivano mosse a lui e a tutti i suoi familiari, provvedendo nel contempo alla restituzione di tutti i beni”

“Siamo molto contenti che la Corte di appello di Reggio Calabria, dopo un lungo calvario giudiziario, abbia riconosciuto Vincenzo Alvaro come estraneo alle accuse che venivano mosse a lui e a tutti i suoi familiari, provvedendo nel contempo alla restituzione di tutti i beni agli stessi in quanto estranei al castello accusatorio che ingiustamente delineava Alvaro e la di lui famiglia come emissari di una cosca di ‘ndrangheta negli affari della Capitale“. E’ quanto afferma, in una nota, l’avvocato Fabrizio Gallo, in merito alla notizia relativa al provvedimento di annullamento della confisca del “Cafè de Paris”.