fbpx

Erosione costiera a Messina: caccia ai finanziamenti

Focus in 1ª Commissione: servono 4,5 milioni di euro per Galati. Caccia ai fondi anche per il litorale nord di Messina

Stamani in Commissione lavori pubblici, presieduta dal consigliere Libero Gioveni, è stata affrontata l’importante problematica dell’erosione costiera che interessa diversi tratti del litorale di Messina.

Erano presenti i tecnici del Dipartimento di protezione civile che si stanno occupando dei progetti di messa in sicurezza, gli ingegneri Cortese e Lucentini.

“Dal dibattito è emerso che per il litorale nord sono stati posti in essere tre stralci funzionali dall’importo complessivo di 24 milioni di euro dei fondi provenienti dal Patto per il Sud e dal Masterplan, dei quali soltanto quello che riguarda le frazioni di Casabianca e Tono è stato finanziato per un importo di 6 milioni di euro, mentre per i due restanti di 7 e 11 milioni circa che riguardano i tratti di Rodia, Marmora, Capo Rosocolmo e Acqualadroni non esiste ancora il finanziamento.

Inoltre – spiega Gioveni – nel litorale sud è stato ultimato un primo intervento nella frazione di Galati per un importo di 900.000 euro, che però necessita essere concluso con un intervento molto più imponente di 4,5 milioni di euro, non ancora finanziato.

La Commissione – conclude il Presidente – alla luce dei mancati finanziamenti e rilevata l’urgenza di rendere cantierabili i progetti in itinere, si è determinata di riaggiornare la seduta al prossimo 20 maggio alla presenza anche fra gli altri di Maurizio Croce, Commissario di Governo contro il dissesto idrogeologico nella Regione Siciliana, che ha già dato la sua disponibilità”.