fbpx

Itaminex 2019, al via l’esercitazione della Marina Militare: cacciamine nazionali e NATO impegnati in attività addestrative in Sicilia

Nave Grecale, Repertorio

Le Navi Crotone, Termoli, Vieste e Alghero prenderanno parte all’esercitazione di contromisure mine assieme a Unità Navali alleate nei tratti di mare antistanti la Sicilia orientale e meridionale

Lunedì 20 maggio avrà inizio l’esercitazione di contromisure mine ITA MINEX 2019, organizzata dalla Marina Militare, che vedrà impegnati, per quasi due settimane, i cacciamine nazionali e NATO in un’attività addestrativa specialistica, operando in tratti di mare antistanti la Sicilia orientale e meridionale.

In occasione dell’esercitazione, la fregata Grecale effettuerà una sosta in porto a Catania e sarà aperta alle visite della popolazione domenica 19 maggio dalle ore 10:00 alle ore 13:00 e dalle ore 15:00 alle ore 19:00.

All’esercitazione parteciperanno le unità cacciamine italiane Crotone, Termoli, Vieste e Alghero, del Comando delle Forze di Contromisure Mine della Marina Militare (MARICODRAG), oltre al cacciamine Tambre, della marina spagnola, e alle unità del gruppo 2 di contromisure mine della NATO (Standing NATO Mine Counter Measures Group2 – SNMCMG2): la nave di supporto Werra, nave di bandiera del gruppo, e i cacciamine spagnolo Tajo, turco Ayvalik e francese Orion.

La direzione dell’esercitazione sarà assicurata dallo staff del MARICODRAG, imbarcato sulla fregata Grecale.

I cacciamine

I cacciamine sono Unità dotate di sistemi ad elevato tasso tecnologico impiegate per la ricerca subacquea e la rimozione dai fondali di ordigni bellici, nonché per l’individuazione e messa in sicurezza di relitti e beni archeologici sommersi. Tali attività sono finalizzate a garantire il libero accesso ai porti e mantenere aperte le vie di comunicazione marittime assicurando il libero transito delle Unità mercantili e la sicurezza della navigazione contribuendo in maniera sostanziale all’incolumità di quanti dal mare e sul mare operano quotidianamente e traggono il frutto del proprio lavoro.