Reggio Calabria, Claudio La Camera: “mi hanno sequestrato un libretto di risparmio con 7 euro, dimostrerò la mia totale trasparenza nel processo”

Reggio Calabria, le parole di Claudio La Camera, ex Presidente di una rinomata Associazione Culturale anti-‘ndrangheta

In merito alle recenti notizie apparse sugli organi di stampa, Claudio La Camera, ex Presidente di una rinomata Associazione Culturale anti-‘ndrangheta, precisa che “mi è stato sequestrato un libretto di risparmio con l’importo di 7 euro (SETTE).  Sarebbe utile che gli organi di stampa potessero far circolare la notizia corretta, chiarendo cosa significa “sequestro per equivalente” e spiegando che non posseggo “beni mobili e immobili” che sono stati sequestrati. D’altro canto, è di tutta evidenza che non c’è stato nessun illecito arricchimento avendo io svolto l’attività con assoluta trasparenza, come sarà dimostrato in questo processo. Per rispetto delle numerose persone, colleghi, rappresentanti della società civile, dell’antimafia e delle istituzioni che ancora condividono con me percorsi di contrasto alle mafie e all’ingiustizia, e nella legittima tutela della mia immagine personale e professionale, sarò costretto a uscire dal riserbo che mi caratterizza e provvedere a chiamare in giudizio i responsabili di tale campagna di delegittimazione. Continuo ad avere la massima fiducia nella magistratura e nelle istituzioni che ho sempre difeso e sostenuto nel mio percorso professionale”.


Valuta questo articolo

Rating: 5.0/5. From 1 vote.
Please wait...


INFORMAZIONI PUBBLICITARIE