FlixBus collega Messina con nuove mete: operative le prime corse verso Puglia e Basilicata

FlixBus continua a investire sul Messinese e amplia i collegamenti nazionali con il territorio: operative le prime corse verso Puglia e Basilicata

FlixBus continua a investire sul Messinese e amplia i collegamenti nazionali con il territorio. In particolare, il leader europeo dei viaggi in autobus connette per la prima volta Messina con la Puglia e la Basilicata, inaugurando un nuovo corridoio all’interno della sua rete di collegamenti in Sud Italia, e con Caserta, portando a circa 60 le destinazioni collegate con la Porta della Sicilia.

Da Messina verso tutta Italia. Al via le prime connessioni con Puglia e Basilicata

Ecco, in breve, tutte le novità sulle nuove mete collegate con Messina al Sud: in Puglia si può arrivare a Bari, Foggia, Brindisi e Taranto fino a due volte al giorno, oltre che a Lecce, Gallipoli, San Giovanni Rotondo e Andria; in Basilicata si raggiungono Bernalda e Policoro sulla costa ionica; in Campania, infine, Caserta si affianca tra le destinazioni a Napoli e Salerno, ora raggiungibili fino a due volte al giorno. Restano operativi i collegamenti con molte dei principali centri nazionali: Roma e Firenze si raggiungono fino a due volte al giorno, così come Milano e Torino. Ma dalla Città dello Stretto si raggiungono anche moltissime località in Calabria, tra cui Villa San Giovanni, Lamezia Terme, Rende e Cosenza, e altre città del Nord Italia, quali Bologna, Padova e Venezia.

FlixBus nel Messinese: una rete capillare che collega anche i piccoli centri

Dal suo arrivo a Messina, FlixBus ha continuato a investire sul territorio circostante, con il duplice obiettivo di ampliare le opportunità di viaggio dei Messinesi e, al tempo stesso, agevolare i flussi turistici in arrivo nel territorio. Oltre al capoluogo, l’operatore ha integrato nella propria rete anche Milazzo e successivamente Taormina, Patti e Santo Stefano di Camastra, in linea con la volontà di creare mobilità anche in aree poco collegate dalle reti tradizionali e coerentemente con l’espansione perseguita in tutta Europa, dove il 40% delle fermate FlixBus si trova in città con meno di 20.000 abitanti.

Atteso un incremento nelle prenotazioni nel periodo di Pasqua: il rientro dei fuorisede

Sulle rotte che collegano la Sicilia con le altre regioni, che dal lancio del servizio hanno via via registrato un afflusso crescente di passeggeri, è atteso ora un incremento rilevante nel numero di prenotazioni in corrispondenza del periodo pasquale: soprattutto sui collegamenti con Roma, FlixBus prevede un incremento nel numero di persone trasportate del 50%, complice il ritorno a casa degli studenti e lavoratori fuorisede. Secondo l’Anagrafe Nazionale Studenti, sono circa 50.000 i Siciliani che studiano fuori regione[1], e la domanda di soluzioni di viaggio economiche è di conseguenza destinata a crescere.

[1] https://www.skuola.net/news/inchiesta/fuori-sede-universita-flussi-regioni-nord-sud.html


Valuta questo articolo

No votes yet.
Please wait...


INFORMAZIONI PUBBLICITARIE