Consiglio dei Ministri a Reggio Calabria, Siclari: “non esistono differenze con Catanzaro, siamo tutti calabresi”

Foto StrettoWeb / Salvatore Dato

Consiglio dei Ministri a Reggio Calabria: senza mezzi termini il senatore forzista Marco Siclari risponde alle dichiarazioni del sindaco di Catanzaro Abramo

“Ho detto più volte che non esistono differenze tra le città calabresi. Noi non siamo le Calabrie, noi siamo tutti calabresi e soltanto insieme e compatti possiamo vincere le battaglie che riguardano il nostro territorio ed il futuro dei nostri figli”. Senza mezzi termini il senatore forzista Marco Siclari risponde alle dichiarazioni del sindaco di Catanzaro Abramo. “I primi a dimostrare la nostra unione agli occhi delle altre regioni e dell’Intero Paese e del Governo, dobbiamo essere proprio noi calabresi. Su cosa dobbiamo sentirci divisi o diversi? Abbiamo lo stesso amore per la Calabria, lo stesso desiderio di aiutare tutti i calabresi e sentiamo un forte senso di responsabilità verso il futuro dei nostri figli. Adesso, più di prima, dobbiamo rimanere compatti ed affrontare tutti insieme i problemi perché la Calabria è una e non può permettersi divisioni. Sono stato eletto nel collegio di Reggio Calabria, ma in Senato ogni giorno porto la voce di tutta la Calabria e di tutti i calabresi senza distinzione di territori di appartenenza. Siamo forti se siamo uniti”, ha concluso il senatore azzurro.

Consiglio dei Ministri a Reggio Calabria, Siclari: “Cdm vuoto di soluzioni”

“Quella di oggi avrebbe dovuto essere una giornata storica per la Calabria e in particolare per Reggio Calabria che ospita il Consiglio dei Ministri, ma il timore avuto nei giorni passati, che fosse soltanto l’ennesima trovata per accaparrare voti sulla pelle dei cittadini, si è tristemente concretizzato. Brutta sorpresa: non solo la Grillo non ha voluto partecipare alla Commissione Salute in Senato, per confrontarsi e migliorare con tutti i Senatori della Commissione il decreto Calabria, ma ha persino annunciato che prova ad alleggerire il blocco del turn over. Quindi? Come risolve il problema? Nessuna vera soluzione all’emergenza sanitaria è stata trovata. Solo un super commissariamento che non migliorerà, di certo, i servizi offerti. La Grillo ha proposto una soluzione antica che ha già prodotto risultati catastrofici“. Il senatore forzista Marco Siclari commenta le novità emerse dal Cdm reggino ma fissa un appuntamento per raccontare la verità rimasta taciuta, le proposte che il Ministro non ha neppure voluto udire. “Vi riunite a Reggio Calabria per dare risalto, finalmente, all’emergenza nazionale che riguarda l’assistenza sanitaria calabrese e che ogni giorno denuncio in Aula, ma rimaniamo tutti demoralizzati come cittadini calabresi, perché dopo tanto scalpore tornate a Roma abbandonando la Calabria ad ulteriori commissari così come negli ultimi 12 anni. Cosa è cambiato? Nulla! Un commissario che ne sostituisce un altro. Adesso, almeno, potrete dire in giro per il mondo quanto è bello il territorio reggino e quanta gente onesta vi ha atteso a Reggio per avere quelle risposte che purtroppo il Governo non ha saputo dare. Spero che abbiate apprezzato il caffè sul nostro bellissimo lungomare e il nostro buon gelato, che ogni anno vince il premio come miglior gelato in Italia. Intanto sabato, giorno 20, alle ore 11.00 al Consiglio Reginale nella sala “Giuditta Levato” incontrerò i giornalisti, i rappresentanti delle associazioni sanitarie e gli operatori sanitari per dire cosa avrebbe dovuto proporre il CdM per risolvere l’emergenza sanitaria nazionale della Calabria. Purtroppo il ministro Grillo non ha voluto il dialogo con il sottoscritto e con la Commissione Salute in Senato che per prima ha lanciato l’emergenza nazionale sanitaria della Calabria chiamando Scura e Oliverio in audizione. Il Ministro avrebbe dovuto ascoltare chi vive questa terra e le sue decennali mortificazioni”, ha concluso il senatore azzurro.