78enne morto a Catania: figlia resta in carcere [DETTAGLI]

La 38enne è accusata di omicidio preterintenzionale del padre e i Gip di Catania ha convalidato il fermo nel carcere di Paternò

Non ci sono lesione esterne evidenti, né la frattura del cranio, sul corpo di Giuseppe Ciancitto, 78enne morto a Paternò. L’ipotesi più accreditata, in attesa dei risultati dell’autopsia che sara eseguita nei prossimi giorni, è che l’uomo sia morto a causa di un infarto durante una lite con la figlia. La 38enne è accusata di omicidio preterintenzionale e iL Gip di Catania ha convalidato il fermo nel carcere di Paternò. Il fermo è stato eseguito il 19 aprile scorso e il giudice per le indagini preliminari, a margine dell’interrogatorio di ieri, ha accolto la richiesta del sostituto procuratore, emettendo l’ordinanza di custodia cautelare in carcere.

 


Valuta questo articolo

No votes yet.
Please wait...


INFORMAZIONI PUBBLICITARIE