Messina, racket e usura: “Sos Impresa” incontra il sottosegretario Gaetti

La delegazione di Messina ha chiesto al sottosegretario all’Interno di farsi promotore di un Forum nazionale delle associazioni antiracket e antiusura che ridefinisca analisi, strategie, organizzazioni e nuove regole finalizzate al rilancio e rafforzamento delle associazioni

Una delegazione delle associazioni antiracket e antiusura della provincia di Messina ed i vertici di Sos Impresa-Rete per la Legalità hanno incontrato questa mattina il sottosegretario all’Interno dott. Luigi Gaetti. L’incontro si è svolto in un clima di grande cordialità e condivisione. La delegazione guidata dal presidente nazionale di Sos Impresa Luigi Cuomo e da Pippo Scandurra, hanno esposto al sottosegretario alcune considerazioni in merito alla difficile fase che oggi attraversa l’intero movimento azionale antiracket e antiusura ed hanno avanzato alcune proposte operative per avviare una nuova fase di ricostruzione organizzativa e strategica del movimento.

Abbiamo chiesto al sottosegretario Gaetti – ha dichiarato Luigi Cuomo- di farsi promotore di un Forum nazionale delle associazioni antiracket e antiusura che ridefinisca analisi, strategie, organizzazioni e nuove regole finalizzate al rilancio e rafforzamento delle associazioni, nel comune interesse teso a far crescere in tutta Italia la cultura della denuncia e, in questo modo, contribuire a liberare l’economia legale dai condizionamenti mafiosi che rischiano, rafforzando le mafie,  di mettere in discussione anche la democrazia del nostro Paese.”

“Questo momento storico per il movimento antiracket e antiusura -ha proseguito Cuomo- segna una fase di grande difficoltà che, però, vanno superate attraverso il rilancio e la riorganizzazione delle associazioni, partendo da iniziative che in tempi rapidi superino vecchi, inutili e dannosi steccati che dividono e indeboliscono l’intero movimento antiracket, vanno ricercati tutti gli elementi di unità e di forza per far crescere le denunce e rappresentare al meglio le istanze delle vittime del racket e dell’usura.”

“La crescita del numero delle denunce, la solidarietà verso le vittime e le politiche di prevenzione del rischio usuraio ed estorsivo sono gli obiettivi fondamentali a cui devono tendere tutte le associazioni antiracket e antiusura.” – ha dichiarato Pippo Scandurra-. “La strada maestra per conseguire questi risultati – ha proseguito Scandurra- passa attraverso un più forte rafforzamento dei rapporti di collaborazione con le istituzioni, le forze dell’ordine e la magistratura. Un nuovo e migliore rapporto tra associazioni, Prefetture, forze dell’ordine e magistratura è fondamentale per superare problemi e criticità che hanno purtroppo segnato alcune associazioni antiracket ed alcuni simboli dell’antimafia che, nel recente passato, si stanno rivelando diversi da quello che volevano rappresentare.”


Valuta questo articolo

No votes yet.
Please wait...