Reggio Calabria, Cannizzaro “rende conto” alla città di un anno in parlamento: “ecco cosa ho fatto per la mia terra” [FOTO e INTERVISTA]

Foto StrettoWeb / Salvatore Dato

Reggio Calabria: l’On Cannizzaro ha illustrato, in un evento presso la sede del Coordinamento Provinciale di Forza Italia, il report sulle attività parlamentari ad un “anno esatto” dalla data di insediamento

E’ un fiume in piena l’On. Francesco Cannizzaro, nell’iniziativa organizzata presso la sede del Coordinamento Provinciale di Forza Italia a Reggio Calabria, dove il deputato reggino ha illustrato il report sulle attività parlamentari ad un “anno esatto” dalla data di insediamento.  Il Coordinatore reggino del partito di Berlusconi ha iniziato dicendo di sentire “la necessità di dover fare un resoconto delle attività svolte e delle battaglie fin qui affrontate, per la mia regione e per la mia città, lo faccio per un sentimento di rispetto verso chi mi ha dato fiducia nell’urna elettorale ma anche per dovere istituzionale verso tutti gli altri, me compreso”. “Intendo partire – afferma orgoglioso Cannizzaro- dal risultato di cui vado maggiormente fiero e che ho conquistato grazie ad un incessante lavoro: l’emendamento n. 16.012 alla Legge di Bilancio approvata a dicembre del 2018 cosiddetto “Emendamento Cannizzaro”. Grazie a questo atto l’aeroporto di Reggio Calabria ha visto stanziati 25 milioni di Euro per il suo sviluppo strutturale ed il definitivo rilancio da tempo auspicato, concretizzando un tassello fondamentale in grado di dissipare ogni timore di chiusura paventata dello scalo reggino. Un risultato eccezionale per il futuro dell’intera area metropolitana, compreso lo stretto di Messina. E non solo, perché sempre d’interesse trasporti per l’intera area dello stretto e sempre con mia grande soddisfazione personale, a dicembre dello scorso anno durante il periodo delle festività dell’Immacolata portavo in Parlamento il caso dello spostamento del transito dei mezzi pesanti dal porto di Villa San Giovanni a quello di Reggio Calabria. Una vicenda – prosegue- iniziata nel 2016 per interessi di alcune società. Infatti dopo aver incassato il parere positivo in Commissione Trasporti alla Camera sulla proposta formulata e sulle gravi rimostranze nei confronti di un parere governativo del passato incomprensibile, ho prodotto un ordine del giorno alla Camera dei Deputati ad hoc che è stato accolto come raccomandazione dal Governo. In sintesi, il giorno dell’Immacolata, durante i lavori alla Camera dei Deputati, ho chiesto che si valutassero le opportune iniziative al fine di scongiurare lo spostamento dell’approdo delle navi che trasportano i tir, e quindi l’intero trasporto gommato, da Villa San Giovanni a Reggio Calabria, suggerendo come sede più idonea, la spiaggia di Bolano. Un atteggiamento ostinato il mio, che davanti alle mie ferme rimostranze nei confronti del Ministero dell’Ambiente ( Governo Partito Democratico) per avere a suo tempo concesso un incomprensibile parere favorevole allo spostamento dell’approdo delle navi che trasportano i tir, e quindi a tutto il trasporto gommato, da Villa San Giovanni a Reggio Calabria. Motivazioni forti che hanno portato all’accoglimento dell’o.d.g. ed al conseguente impegno da parte del Governo”.

Foto StrettoWeb / Salvatore Dato

Cannizzaro parla anche di vicende nazionali in cui “mi sono posto sempre come supporto del partito nella stesura delle proposte di legge, sempre cofirmate, e nella condivisone di interventi programmati sulle intenzioni di voto all’interno dell’Aula. Ad agosto del 2018, cofirmatario con altri del testo proposto dalla collega e coordinatrice regionale di Forza Italia in Calabria, Jole Santelli, entrava in vigore un’importante legge per l’Italia, Istituzione di una Commissione parlamentare di inchiesta “sul fenomeno delle mafie e sulle altre associazioni criminali anche straniere”, L. 99/2018, Gazzetta Ufficiale n. 192 del 20 agosto 2018. Incessante la presenza nelle proposte di legge che sono ancora in attesa dell’esame dell’Aula e nelle quali non ho fatto mancare il mio contributo. Sono ben 19 i testi proposti con altri colleghi parlamentari e nelle quali, in qualità di cofirnatario, non mi sono risparmiato di fornire opinioni, pareri, ricerche e studi di settore per un quadro normativo generale sempre ben chiaro. Proposte che interessano i molteplici aspetti della vita quotidiana di ognuno e che, se approvate, sono destinate a migliorarne gli utilizzi e soprattutto i risultati. Si va dalle proposte condivise con l’On. Paolo Russo che si occupano di “Disposizioni concernenti la disciplina dell’attività di tatuatore e piercer professionista e la formazione Universitaria per il suo esercizio” e dell’ “Introduzione dell’obbligo di indicare, nella lista delle vivande, l’origine delle materie prime impiegate negli esercizi pubblici di somministrazione di cibi e bevande”. Con l’On. Ravetto abbiamo lavorato su altre due proposte, la prima: “Modifiche alla legge 4 maggio 1983, n. 184, in materia di adozione da parte di persone singole” e la seconda: “Modifica all’articolo 44 della legge 4 maggio 1983, n. 184, concernente l’adozione in casi particolari”, un tema, quello delle adozioni, che mi sta particolarmente a cuore e che troppo spesso, invece, viene trattato con estrema superficialità. Insieme all’On. Marin ed altri colleghi, è stata presentata una proposta per quanto riguarda le “Disposizioni per la promozione dell’attività fisica e dell’educazione motoria nella scuola primaria”, per la serie scuola e sport sempre presenti. Insieme al capogruppo di Forza Italia alla Camera, On. Mariastella Gelmini, ed altri deputati, abbiamo lavorato su due distinte proposte normative, una in materia di sicurezza, la “Modifica dell’articolo 52 del codice penale, in materia di diritto di difesa”, l’altra in materia d’imposte “Riduzione dell’imposta sul reddito delle società per gli enti senza scopo di lucro e gli istituti autonomi per le case popolari”.  Ho condiviso con l’On. Bartolozzi per la “Delega al Governo per l’istituzione del Tribunale superiore dei conflitti presso la Corte di cassazione” e con la conterranea On. Giusy Versace per l'”Introduzione degli ausili e delle protesi destinati a persone disabili per lo svolgimento dell’attività sportiva tra i dispositivi erogati dal Servizio sanitario nazionale”.

Foto StrettoWeb / Salvatore Dato

Il deputato di Reggio Calabria elenca anche altro: “sul commercio, ho sottoscritto e operato sulla proposta dell’On. Fiorini, sull’Istituzione del Ministero per la tutela, la promozione e il commercio internazionale dei prodotti italiani”. Reddito, aliquote, imposte e tributi non potevano mancare, nello studio e nella ricerca in questo campo il “guru” del partito è senza dubbio l’On. Brunetta. Con il professore abbiamo condiviso le “Modifiche al Testo Unico di cui al decreto del Presidente della Repubblica 22 dicembre 1986, n. 917, in materia di riforma della struttura generale dell’imposta sul reddito delle persone fisiche con introduzione dell’aliquota unica (flat tax), nonché disposizioni per la definizione agevolata di imposte, atti di accertamento e riscossione e contenzioso tributario”. Un lavoro notevole e di grande esperienza politica legislativa. Una proposta di legge costituzionale è giunta dall’On. Pella, che mi vede cofirmatario, la “Modifica all’articolo 117 della Costituzione, concernente l’esercizio della competenza concorrente in materia di tutela della salute”, un tema particolarmente caro alla Calabria che sul tema della sanità regionale, purtroppo, vive ancora oggi una stagione triste e tormentata. Con l’On. Roberto Occhiuto, ho altresì, presentato un testo particolarmente contestuale, ed al quale subito ho offerto il mio pieno sostegno, riguardando la solidità e l’affidabilità dei bilanci degli enti locali, “Disposizioni per la definizione agevolata dei crediti non riscossi degli enti locali e per la cancellazione dei residui attivi di dubbia esigibilità dai loro bilanci”. Basti pensare alla situazione che Reggio Calabria già da qualche anno sta vivendo per comprendere quanto sia importante che una tale norma possa trovare la sua giusta approvazione in aula. Ho incontrato il vice ministro Castelli, che ringrazio, per scongiurare il dissesto di Palazzo San Giorgio. Sono promotore e cofirmatario assieme all’On. Maurizio D’Ettore della proposta a favore dei cosiddetti “truffati dalle banche”, “Modifiche all’articolo 1, comma 855, della legge 28 dicembre 2015, n. 208, e al decreto-legge 3 maggio 2016, n. 59, convertito, con modificazioni, dalla legge 30 giugno 2016, n. 119, in materia di estensione dell’accesso al Fondo di solidarietà in favore degli investitori in banche in liquidazione ai possessori di strumenti finanziari emessi dagli istituti di credito”. Sempre con D’Ettore ed il collega Mugnai, abbiamo presentato una proposta riguardante le “Norme per la regolazione del commercio occasionale di oggetti usati”, un mercato che, causa, la grave crisi economica generale, trova sempre più spazi e che, quindi, necessita di regole. Mi sono occupato con l’On. Germanà di scuola e delle sue regole: “Modifiche al testo unico delle disposizioni legislative vigenti in materia di istruzione, relative alle scuole di ogni ordine e grado, di cui al decreto legislativo 16 aprile 1994, n. 297, concernenti il divieto dell’uso dei telefoni mobili e di altri strumenti tecnologici nelle scuole e durante l’attività scolastica”.

Foto StrettoWeb / Salvatore Dato

E sempre di ambienti scolastici, formativi ed educativi, proprio a Reggio Calabria –aggiunge Cannizzaro– abbiamo presentato in prima Nazionale il progetto di legge della collega Annagrazia Calabria, sull’utilizzo dei sistemi di videosorveglianza nelle scuole e nei centri assistenziali. Ho cofirmato ed inteso approfondire con l’On. Rossello il testo “in materia di equilibrio tra i sessi negli organi di amministrazione e di controllo delle società quotate in mercati regolamentati” e, sempre con la cara Jole Santelli, proposto un testo che introduca migliorie in materia di scioglimento enti, chiedendo l’introduzione “Dell’articolo 143-bis del testo unico delle leggi sull’ordinamento degli enti locali, di cui al decreto legislativo 18 agosto 2000, n. 267, in materia di computo dei termini di durata in carica dei consigli comunali e provinciali in caso di annullamento del provvedimento di scioglimento”. Ma particolare attenzione e grande lavoro, soprattutto per quanto riguarda problematiche della Calabria, ho inteso rivolgerlo all’utilizzo dell”‘Interpellanza.”, strumento principe della mia attività parlamentare. Sono riuscito a portare all’attenzione dell’Aula di Montecitorio una serie di gravi emergenze e di situazioni drammatiche, ottenendo quasi sempre elementi di riscontro decisamente positivi. Basti pensare alla recente vicenda del porto di Gioia Tauro dove il Governo, da me interpellato in Aula, indicando chiaramente le criticità e le cause della vicenda, ha posto in essere delle iniziative di competenza in ordine alla concessione per la gestione del porto di Gioia Tauro, al fine del rilancio del sito nell’ambito delle reti transeuropee e della salvaguardia dei livelli occupazionali”. “La triste storia dell’agente penitenziaro Sissy Trovato Mazza che -aggiunge- dopo aver incontrato il padre in un emozionante momento, ho deciso di chiedere una forte accelerazione alle indagini e di fare piena luce su una serie di incongruenze sospette e di conflitti di interesse all’interno della Procura competente. Una denuncia forte e senza esitazioni. Più volte ho parlato dei lavoratori precari della Calabria e in due distinte, quanto dettagliate, interpellanze, ho posto il Governo nella condizione di dover decidere senza ulteriori indugi. La prima per garantire il mantenimento dei livelli occupazionali e delle prestazioni sociali svolte dai lavoratori socialmente utili e di pubblica utilità, con particolare riferimento alla Calabria, e con l’altra per ottenere un chiaro orientamento del Ministro dell’Interno in merito a iniziative a favore dei vigili del fuoco cosiddetti discontinui.

Foto StrettoWeb / Salvatore Dato

Lavoro compromesso anche per gli agrumicoltori della Piana di Rosarno e Gioia Tauro, per i quali ho posto al Governo ed al Ministero competente pretese chiare ed inequivocabili, in merito ad una serie di interventi mirati a tutelare l’attività degli agrumicoltori stessi di quelle zone, tenendo conto delle cause e delle conseguenze della grave crisi maturata. Ma la Calabria, come accennato prima, ha un problema grande con la sanità Regionale che, per molti aspetti, è legato alla gestione commissariale del servizio stesso. Per questo ed altri motivi, la mia richiesta di intervento al Governo, poi pienamente accolta, è stata rivolta alla celere sostituzione del Commissario Ad Acta per l’attuazione del piano di rientro dal disavanzo del debito sanitario Calabrese. Infatti – sottolinea Cannizzaro– l’Ing. Scura ha ceduto il posto al Generale dei Carabinieri Saverio Cotticelli. Sicuramente la nostra regione ha bisogno di ben altro per portare in alto i livelli di assistenza necessari e le cure specialistiche di cui l’utenza fa richiesta impellente ma, vista la politica che governa al momento la Calabria, di meglio non potevamo chiedere. E’ la certezza che i prossimi impegni elettorali, regionali e comunali, rappresenteranno la vera chiave di svolta per poter sperare in un futuro migliore. In Regione Forza Italia punta su Mario Occhiuto, al Comune il Centro/Destra unito sceglierà il nome migliore per battere il Pd e Falcomatà. Il mio lavoro da parlamentare è in funzione proprio di questo, di un cambiamento radicale che porti sviluppo e benessere, rilanciando la Calabria e la nostra Reggio in un panorama Nazionale ed Europeo che entrambe meritano. Il Deputato è sicuramente un privilegio, ed io di questo sono grato a tutti voi, ma è anche colui che sulle proprie spalle deve portare i problemi di tutti, senza distinzione alcuna, cercando in ogni momento della sua giornata di essere sempre disponibile ed efficace. La mia credibilità è equivalente agli sforzi per il territorio, la mia affidabilità istituzionale proporzionale ai risultati che ottengo, in Parlamento, per la Provincia di Reggio e la Calabria tutta”, conclude. All’evento sono intervenuti amministratori locali, rappresentanti dei partiti della coalizione di Centro/Destra e sostenitori politici.

Reggio Calabria, Cannizzaro “rende conto” alla città di un anno in parlamento: “orgoglioso di quanto fatto” [VIDEO]


Valuta questo articolo

Rating: 3.0/5. From 2 votes.
Please wait...