Movimento 5 Stelle, “il più pulito ha la rogna”: dopo l’arresto di De Vito, indagato anche l’assessore allo sport di Roma

Cade miseramente il tabù degli attivisti “puritani” del Movimento 5 Stelle”: “siamo i migliori, gli altri rubano mentre noi no”. In due giorni arrestato il presidente del Consiglio Comunale di Roma e indagato l’Assessore allo Sport

Non esistono partiti e movimenti perfetti, non esistono gli uomini onesti solo da una parte. Cade miseramente il tabù degli attivisti “puritani” del Movimento 5 Stelle”: “siamo i migliori, gli altri rubano mentre noi no”. Dopo l’inchiesta sullo Stadio della Roma che ha portato, tra gli altri, all’arresto del presidente del consiglio di Roma e grillino doc, Marcello De Vito, con le gravi accuse di corruzione e, di poco fa, la notizia dell’indagine anche sull’assessore allo sport della Giunta Raggi, Daniele Frongia, nessuno può esibire il “patentino” della trasparenza. Altro che le manette di Giarruso o il “senso di superiorità di qualcuno”: bisogna riconoscere chela Procura di Roma ha avuto la capacità di fare luce, anche se le accuse vanno dimostrate in sede di processo, su uno dei capitoli più bui della storia moderna della Capitale (dopo l’inchiesta “Roma Capitale”): ossia le tangenti per la costruzione dello Stadio della Roma. E’ opportuno farsi un’esame di coscienza sul perchè le grandi opere in Italia sono sempre “inquinate” da “forze esterne”. Ritornando sul discorso dell’onestà: in realtà ci sono uomini buoni e cattivi, ladri e non a prescindere dall’estrazione sociale, ambito politico ed economico. Come direbbero i cultori dei proverbi “il più pulito ha la rogna”…

Fabrizio Corradetti/LaPresse


Valuta questo articolo

Rating: 2.6/5. From 7 votes.
Please wait...


INFORMAZIONI PUBBLICITARIE