Reggio Calabria, progressione economiche orizzontali: riaperta la trattativa, Cisl soddisfatta

Cisl Reggio Calabria: “Raggiunto un primo risultato a cui si stava lavorando da tanto tempo”

È una grande soddisfazione per il gruppo della Cisl Funzione Pubblica di Reggio Calabria del G.O.M. (Azienda Ospedaliera BMM) che, a pochi giorni dalla formazione di una nuova e più forte organizzazione all’interno del G.O.M., è riuscito ad indurre l’amministrazione a riaprire la trattativa per il riconoscimento dell’attribuzione delle fasce.
“La CISL FP è riuscita- si legge in una nota- a ridare ruolo al sindacato all’interno del G.M.O. mettendo un freno all’unilateralità dell’amministrazione attraverso un nuovo modello di partecipazione, avendo come unico obiettivo quello di restituire la dignità professionale a tutti coloro che lavorano prendendosi cura dei cittadini.
L’accordo sottoscritto- spiega la Cisl- prevede il passaggio sequenziale tra le fasce retributive previsto dal nostro CCNL ed è finalizzato a:
1) Valorizzare la professionalità mediante il riconoscimento delle competenze maturate durante il proprio percorso lavorativo;
2) Differenziare il contributo di ciascuna professionalità all’interno dell’organizzazione del lavoro;
3) Garantire la valorizzazione dei profili di tutte le categorie secondo principi di equità distributiva.
La progressione economica, secondo la CISL FP, deve rispettare i seguenti principi:
1) I passaggi da una fascia retributiva a quella immediatamente successiva devono avvenire, a domanda, per il triennio 2018/2020 e con decorrenza fissa dal 1° gennaio di ogni anno per tutti i lavoratori a tempo indeterminato appositamente selezionati;
2) Il numero dei passaggi sarà stabilito in base alle risorse finanziarie esistenti e disponibili nel fondo dedicato;
3) I dipendenti che acquisiscono la fascia economica saranno individuati secondo i seguenti criteri di selezione:
a) Anzianità di carriera (1 punto per ogni anno di servizio);
b) Valutazioni ottenute sull’impegno e sulla qualità della prestazione individuale;
c) Titoli accademici e formativi (fino ad un massimo di 5 punti);
d)Curriculum professionale e formativo (fino ad un massimo di 15 punti);

Ovviamente la graduatoria potrà scorrere in base al numero dei pensionamenti che ci saranno annualmente.

Un secondo grande risultato- si legge ancora- è stato raggiunto dalla CISL FP che ha chiesto ed ottenuto l’avvio della contrattazione decentrata, a partire dal mese di Gennaio, che privilegi i seguenti punti:

  • Criteri per l’individuazione di fasce temporali di flessibilità oraria in entrata ed uscita;
  • Elevazione della misura dell’indennità di lavoro notturno;
  • Riconoscimento dei tempi di vestizione/svesti e passaggio di consegne previsti dall’art. 27, commi 11 e 12 (Orario di lavoro), con innalzamento di ulteriori 4 minuti in reparti con elevata complessità assistenziali;
  • Incarichi funzionali (Incarico di organizzazione ed Incarico professionale).

La CISL FP si farà garante delle aspettative dei lavoratori e sorveglierà l’iter dell’assegnazione delle fasce a garanzia di tutti gli aventi diritto”.


Valuta questo articolo

No votes yet.
Please wait...

INFORMAZIONI PUBBLICITARIE