Cataforio, sestina vincente al Real Parco

Cataforio, sestina vincente al Real Parco. Un risultato figlio soprattutto dei meriti dei locali piuttosto che dei demeriti degli ospiti che hanno risentito da subito del pressing alto degli avversari

Torna al successo il Cataforio, e lo fa in maniera brillante, battendo per 6-2 il Real Parco. Un risultato figlio soprattutto dei meriti dei locali piuttosto che dei demeriti degli ospiti che hanno risentito da subito del pressing alto degli avversari. Un Cataforio determinatissimo a fare bottino pieno e lo si è capito sin dai primi minuti quando Atkinson, ha sbloccato il punteggio regalandosi il gol numero 300 tra i professionisti. Per il brasiliano ci sarà modo anche di incrementare ulteriormente il proprio bottino, in una giornata speciale vista la presenza sulla gradinata del “PalaMazzetto”, del Presidente della Divisione Calcio a 5, Andrea Montemurro, accompagnato dal suo Vice, Gabriele Di Gianvito e dal portavoce territoriale Nino Mallamaci. Tornando alla cronaca, Cataforio che come detto parte subito fortissimo, aggredendo alto i gialloblu e sfiorando il raddoppio con Giriolo ed ancora Aktinson. È di La Rosa il primo squillo offensivo dei palermitani, ma il suo lob è inefficace, poi è Madonia a mandare non di molto sul fondo. Real Parco che prova a pungere in attacco, ma deve fare fronte a due occasioni create dai locali con Andrea Labate. È il preludio di fatto al gol che arriva poco prima della metà del primo tempo, nuovamente con Atkinson che recupera, riparte in contropiede, calcia da posizione centrale trovando prima il palo e poi la rete. Romano ha l’occasione per riaprila ma Parisi compie il primo vero intervento del suo pomeriggio mentre Laganà impegna Roccampo. Ospiti che accorciano le distanze a 4′ dalla fine con Campisi, su un pallone che con una strana ed inaspettata traiettoria gli arriva quasi per caso sui piedi consentendogli di violare la porta di Parisi; quest’ultimo respinge bene sul tiro al volo di Di Carlo. In chiusura è invece debole il colpo di testa di Scopelliti da buona posizione sul passaggio illuminante di Laganà.
 
Concluso sul 2-1 il primo tempo, nella ripresa Madonia chiama ad un altra grande parata Parisi, che si ripete qualche minuto più tardi su Romano, davvero da due passi, alzando sopra la traversa con il corpo. Il Cataforio trova quindi il tris: sulla rimessa laterale di Scopelliti per Laganà, destinata ad Atkinson, è decisiva la deviazione con il corpo di Di Carlo che beffa il proprio portiere. Lo stesso Laganà sfiora il gol personale, che avrebbe anche meritato vista la gran partita disputata, cogliendo solo un palo. Da una punizione di Madonia, la respinta di Parisi trova La Rosa che ribatte a rete e trova ancora una volta pronto il portiere reggino che conferma il suo buon periodo di forma. Giriolo poi, per due volte, arriva in ritardo di pochissimo in scivolata a distanza di pochi minuti, mentre Andrea Labate colpisce anche lui un palo. È un susseguirsi di azioni da gol per i bianconeri che la chiudono, di fatto, con Giriolo per il punto del 4-1. L’assist è di Atkinson di testa, Giriolo con l’ottimo controllo a seguire e gran destro potente ad incrociare, per un gol di pregevolissima fattura. Nota stonata l’uscita anzitempo per infortunio dello stesso. Real Parco che sembra ora non crederci più ed Atkinson ha modo di realizzare una doppietta nel giro di 28 secondi appena, prima direttamente su calcio di punizione e poi concludendo di tacco da dentro l’area di rigore. Di Carlo a 2’10” dalla fine riuscirà, dopo tre parate consecutive di Parisi, a siglare il punto del definitivo 6-2, mentre il giovane neoentrato Sarica si divora a porta vuota l’assist di Atkinson per il suo possibile primo gol in Serie B. In virtù dei risultati maturati sugli altri campi, il Cataforio stacca le inseguitrici e ritrova il terzo posto vista la concomitante sconfitta del Regalbuto ad Agrigento. Atkinson raggiunge quota 17 centri in campionato, 23 stagionali; Giriolo invece avanza a 6 in campionato e tocca la doppia cifra (10) in stagione, risultando il marcatore più prolifico dopo il brasiliano.
 
A fine gara, mister Praticò, ha così commentato: “Venivamo da un periodo dove pur giocando bene non avevamo raccolto quanto meritavamo. Nonostante ciò e nonostante le assenze abbiamo dato tutto in campo, soffrendo leggermente nel primo tempo contro una squadra organizzata, e colgo l’occasione per fare i complimenti all’amico e collega Sandro Tarantino. Nel secondo tempo abbiamo riordinato le idee, siamo tornati con la concentrazione giusta ed il punteggio credo proprio sia meritato. In tutte le partite che abbiamo affrontato i ragazzi sono sempre rimasti in gara dal punto di vista mentale. Sono contento perché creiamo tanto, semmai dovremmo migliorare ancora di più in fase di finalizzazione. Atkinson? Abbiamo finito ogni parola per lui. Nell’ultimo periodo non era al top e lo si era visto nelle giornate precedenti; questa settimana si è allenato invece al meglio ed anche in questo caso si è visto. La classifica? 18 punti sono un buon bottino. Ci restano due partite prima della fine del girone di andata. Proveremo a racimolare quanti più punti possibile nella speranza di recuperare anche qualche infortunato”.
SERIE B, GIRONE H, 9^GIORNATA
 
ASD CATAFORIO C5 REGGIO CALABRIA – REAL PARCO 6-2
 
Marcatori: 1’11”pt e 9’40”pt Atkinson, 16’17”pt Campisi (RP), 1’53”st aut. Di Carlo, 10’44”st Giriolo, 15’30”st e 15’58”st Atkinson, 17’50”st Di Carlo (RP).
 
CATAFORIO: Paviglianiti, Sarica, An. Labate, Scopelliti, Campolo, Giriolo, Laganà, Atkinson, Durante, Fortugno, Parisi, Al. Labate. All. Praticò.
Romano, Mirabella, Lonardo, Campisi, Tuve, Madonia, Di Carlo, Giannola, La Rosa, Aragona, Roccampo. All. Tarantino.
 
Arbitri: Masumi Lari di Potenza e Granata di Sala Consilina Crono: Mancuso di Vibo Valentia
 
Note: Ammoniti: Madonia (RP) e An. Labate (C).

Valuta questo articolo

No votes yet.
Please wait...