Siclari in visita a Gioiosa Jonica: “Altra Italia è un progetto inclusivo per superare le emergenze calabresi”

Marco Siclari ha incontrato numerosi tra amministratori, militanti e rappresentanti delle forze civiche a Gioiosa Jonica, per confrontarsi sul nuovo progetto politico “Altra Italia”

Dopo l’annuncio del presidente Tajani che ha ufficializzato la nascita di “Altra Italia”, il senatore di Forza Italia, Marco Siclari, ha incontrato numerosi tra amministratori, militanti e rappresentanti delle forze civiche a Gioiosa Jonica, per confrontarsi sul nuovo progetto, incoraggiando il tesseramento e dimostrare, quindi, la massiccia presenza sul territorio reggino e calabrese. Il senatore forzista ha ribadito la necessità di essere inclusivi, linea politica che porta avanti da sempre, anche superando le diverse visioni sulle candidature per i prossimi appuntamenti elettorali.
“In questo momento storico molto importante, forti dell’esperienza politica maturata in 25 anni da parte dei moderati in Italia – ha dichiarato Siclari – ci siamo resi conto di quanto sia importante l’inclusione, per andare uniti alle elezioni nazionali e regionali, convinti che, solo la grande famiglia del centrodestra, con l’area moderata più forte e presente, può aiutare l’intero Paese e la nostra regione a superare le grandi emergenze che vanno dalla disoccupazione alla Sanità, passando dalla mancanza di investimenti”. Siclari è certo: “Dobbiamo farci portatori di questo grande entusiasmo del nostro leader Silvio Berlusconi che, ad oggi, risultati alla mano, è l’unico che ha pensato davvero al Sud, e di quello del vice presidente Antonio Tajani, che è il presidente italiano del Partito popolare europeo, che è apprezzato e non ha mai avuto alcuna critica da parte dei 28 paesi membri. Abbiamo, dunque, saggezza, esperienza e lungimiranza del leder Berlusconi, unitamente all’impegno concreto e alla competenza di Tajani per risollevare l’area dei moderati che vuole includere tutte le espressioni civiche del nostro paese e dei partiti che vanno dalla lega al Pd. Un grande contenitore che rappresenti la casa di tutti i moderati, le speranze e i sogni degli italiani”, ha concluso il senatore.